Crea sito

Consacrazione delle Carte

tarocchiQuando si viene in possesso di un mazzo di carte da usarsi a scopo divinatorio, bisogna pensare che Esso è stato prodotto con carta, inchiostri ed è stato manipolato in modo poco “Sacro” . Ovviamente questo diventa necessario per la produzione. Non tutti trovano necessario purificarli, ma senz’ altro è utile armonizzare la loro energia con la nostra. Creare con Essi sintonia. Non amo i metodi troppo complicati. Certamente un altare con tovaglia bianca e i simboli degli elementi (coppa con acqua magnetizzata a Ovest, Sale a Nord per la Terra, Incenso a Est per l’ Aria,Candela a Sud per il fuoco) è ideale per chi è orientato verso una magia ritualistica.

Passare sopra ogni elemento la carta per consacrarla riponendole al centro dell’ altare stesso e usando frasi propiziatorie. 

Per chi non è pratico o non ama o non può svolgere rituali, abbiamo a disposizione il potere lunare. Questo tipo di consacrazioni si devono effettuare nel periodo che va dalla Luna Crescente fino alla Piena. Per 7 notti si espone alla luce dell’ astro il mazzo di carte, posto a ventaglio. Si conserva in una scatola di esoterismolegno rivestita di panno rosso o in un sacchetto sempre rosso. Meglio se la costruzione o rivestimento del sacchetto o scatola viene effettuata dal proprietario del mazzo stesso.

Alcune tradizioni danno preferenza al passaggio della Luna in segni di Terra o Aria, si eviterà comunque i vuoti di luna per iniziare la serie delle esposizioni lunari.

Il mazzo deve entrare in sintonia con Noi. Meglio usarlo con cura ma spesso , mescolando le carte e tenendolo  vicino al luogo dove maggiormente soggiorniamo. 

Non tutti i tipi di carte sono in sintonia con Noi. Quando si sceglie un mazzo di carte bisogna “sentirlo” di istinto , a Noi affine. Esse sono come consigliere, amiche fidate, e chi di Noi sceglierebbe un amica di percorso con cui non c’ è affinità? scegliamo quindi le carte e facciamoci scegliere da Loro. Come riconoscere un mazzo giusto? semplice.. l’ intuito e l’ istinto ci farà capire, con semplicità, di aver trovato il nostro mazzo…

Col tempo troveremo la nostra chiave di lettura.. ma potrebbe succedere di dover usare, in “emergenza” un mazzo non nostro. Ciò non è consigliabile, ma può capitare. In questo caso può essere utile sparpagliare le carte sul tavolo creando una  sorta di magia del caos, in modo che si stacchi, simbolicamente l’ energia di altri dal mazzo, e poi rimettere in ordine le carte, per cartesimboleggiare l’ ordine naturale che dona nuovo equilibrio.

Sarà utile poi , che il proprietario che ce le ha cedute ripeta il metodo e , eventualmente le purifichi. La cosa migliore è , che, ovviamente, ognuno usi il suo mazzo, ma qualora capitasse la necessità il metodo di cui sopra potrebbe risultare utile.

Vi sono momenti e periodi propizi o meno alla lettura. Ma le carte sono talmente ricche di misteri e Conoscenza che Esse non si soffermano al solo uso divinatorio.

 

Strega Fata Degli Incanti- B.C.©

 

Read More

Festa Dei Gatti Neri

Il 17 Novembre è la giornata del gatto nero. Festa fondata dall’ AIDAA (Associazione Italiana Difesa Animali & Ambiente ) per  sensibilizzare  e condannare il problema delle uccisioni e dei maltrattamenti di gatti neri per motivi di superstizione.

Origini della superstizione sul gatto nero
Secondo un retaggio del passato, a dir poco assurdo, il gatto nero porterebbe sfortuna.
Superstizioni medievali senza alcun fondamento. In quanto i gatti neri, per il loro manto oscuro si credevano legati a demoni e consimili.
La notte poi non favoriva  la visibilità e i cavalli di carri e carrozze si imbizzarrivano se se ne trovavano uno tra gli zoccoli… era rischio di incidente insomma.
In realtà i miti sono molti e non tutti negativi. Ma quello che ci sta a cuore è estirpare antiche quanto malsane credenze… gli operatori dell’ occulto non uccidono gli animali nè
nessuna altra creatura. Le streghe e i pagani nei sacrifici agli Dei offrono opere d’ amore, fiori e incensi. Il rispetto per la vita è basilare!
Una coccola affettuosa a tutti i miciotti di ogni colore e un bacio al mio adorato Saty

Read More

Un Tempio Magico.. Atmosfere d’ Incanti

La magia è un arte
che raccoglie in Sè ogni sfumatura
Ella richiede passione, Conoscenza , fantasia..
Sia mistico il luogo ove operi
così che nulla ti distragga
e sia di connessione con la Divinità
la tua Sacra intimità…

Strega Fata Degli Incanti- B.C.©

 

Un Tempio Magico.. Atmosfere d’ Incanti

La magia è il frutto di un desiderio.. una passione che si accende, Hadas_090un emozione che assale, è la volontà elaborata dalla mente che si dirige verso un intento.

Per creare emozione bisogna entrare nel desiderio e nella magia. Vi sono luoghi densi di Potere, dove la magia ha già operato o dove, per un insieme energetico le vibrazioni sono alte…
Molto dipende da Noi. Un luogo dove ci sente al sicuro, senza occhi indiscreti, a volte di mistico sembra non aver nulla ma può trasmettere emozione perchè favorisce il raccoglimento. Magari con la presenza di pochi oggetti, i quali distraggono lo sguardo.
Un luogo che può essere magico.. una camera della casa. Pulita , senza troppi fronzoli, con tende che ricordano un pò gli antichi templi, soffici e leggere, dai colori accesi come quelle della fiabe de “le Mille e una Notte”.
gif_animate_fuocofiamme_02Candele (poste in sicurezza e con un locale aerato) con lanterne o porta candele che riflettono bagliori, magari con intagli.. incensi profumati e un tappeto e cuscini soffici. Spesso ci si lamenta che non si trovano candele colorate.. ma una soluzione molto semplice è porre la candela in una apposita lanterna o contenitore colorato ( che sia idoneo allo scopo). La luce della candela riflette le tinte poste sul contenitore o lanterna e le vibrazioni del colore avranno una maggiore potenza… in fondo è nella vibrazione del colore che è insita l’ energia.
Certamente non è l’ ambiente nè il luogo a far funzionare incanti. Anche se nell’ ambiente ci sono luoghi di maggior potenza: le soglie, i passaggi e i punti centrali da cui dipartono le energie. Con l’ atmosfera si crea una maggiore carica emotiva che dona una spinta in più nell’ intento. Gli Dei spesso non hanno richieste eccessive.. e preferiscono un dono astratto a uno materiale, la semplice Lode che dona forza alle Divinità è senz’ altro ben gradita. In fondo è così anche per Noi… avere il dono di un emozione o di un sentimento , risulta spesso, essere più prezioso, di un regalo materiale….
L’ altare costituito di elementi naturali e secondo possibilità di ognuno.stlelle6

La magia è il frutto di un desiderio.. una passione che si accende, un emozione che assale, è la volontà elaborata dalla mente che si dirige verso un intento.
In questa frase vi è racchiusa l’ essenza degli Elementali che è insita anche nell’ uomo….
La Strega ne vive in maniera intensa ogni attimo, e in stretta connessione coi ritmi della natura raccoglie e dirige l’ energia per i suoi intenti.

 

Strega Fata Degli Incanti- B.C.©

Read More

La Festa dei Mariti Traditi- San Martino

sanmartinoSan Martino è un santo di origine Ungherese. Il padre chiamò Martino in onore di Marte, Dio della guerra.A quindici anni per volere della famiglia entrò nell’ esercito e venne trasferito dalla città di Pavia dove risiedeva, in Gallia.Ancora militare incontrò un povero seminudo e con un gesto di pietà divise con lui il mantello,era inverno e in quell’ istante il sole fece capolino scaldando l’ aria coi suoi raggi.Da allora a si festeggiano i 3 giorni di San Martino che sono da ricollegarsi alla data della sua morte e funerali.(Morì infatti l’ 8 novembre 397).Il detto “fare S.Martino ” cioè traslocare nasce dall’ antica usanza della scadenza del contratto dei fittavoli che avveniva l’11 novembre, i quali dovevano lasciare liberi i locali per cercare nuova abitazione e nuovo datore di lavoro per la coltivazione dei campi.
Questa giornata indica la fine dei festeggiamenti del Capodanno Celtico. Samhain. Le giornate di sole tipiche di questo periodo permettevano festeggiamenti , e al Santo venne assegnata questa data che si sovrappose, con le usanze legato ad Esso, alle feste pagane già in uso.
Come il martedì grasso , in questi giorni si usava banchettare e assaggiare i mosti con il vino novello. Se il Carnevale era un vino-novellomomento di sfogo prima della Quaresima, così il banchetto di questo giorno preannunciava un periodo più contenuto in vista dell’ Avvento. Ma rricorda anche una festa antica.. quando gli Dei si destreggiavano a comportamenti giocosi e biricchini. Marte era Dio della guerra, era nato come Dio della primavera feconda e divenuto protettore delle battaglie non mutò il suo fare passionale e impetuoso divennè perciò amante della Dea della bellezza, Venere. Cosa che non fu certamente gradito dal consorte della Dea, Vulcano, che impriginò i due amanti a riprova del tradimento subito. Ma la cosa non fece altro che divertire l’ Olimpo. Da allora si tenne una festa Dei”mariti traditi o dei cornuti”. In costume alcuni uomini muniti di costumi e maschere con le corna vengono presi a scherno. Certamente le numerose fiere di bovini e bestiame allontanavano i mariti dalle campagne lasciando sole le moglie le quali più libere potevano farsi corteggiare. da qui la leggenda e la fantasia…cervo_corna1
In quanto al mantello, sembra, ma non vi sono prove certe, vi sia stata una divinità guerriera o cavalleresca che ricordava l’ immagine di San Martino. I miti pagani si sovrappongono a quelli cristiani. Certamente Martino ebbe molto a evangelizare a discapito del paganesimo. Ma il mito antico dell’ amore adulterino di Marte con Venere ha dato vita a un’ usanza ricca di storia e tradizioni che ancora sopravvive… 

Strega Fata Degli Incanti- B.C.©

Read More

11-11 Luna Nuova

LunaPienaQuesta Luna è il primo ciclo dopo Samhain. Ne segna quindi la partenza e il Potere. L’ undici è un numero primo legato alla Forza nei tarocchi. La forza negli Arcani viene raffigurata come una donna, vestita di rosso e azzurro. E’ l’ equilibrio tra materia forzae spirito : la vitalità del rosso, delle passioni, è dominata dall’ azzurro, la spiritualità. Il capello ha la forma di un 8 , l’ il perpetuo. La donna tiene fermo un leone, riesce, con coraggio, ad aprirgli la bocca. Il coraggio si manifesta quindi sul dominio degli istinti animali. L’ energia di ogni animale ha un attributo specifico per l’ evoluzione dell’ animo umano. L’ animale guida , rappresenta l’ essenza stessa di un individuo , rapportata alla natura, quella stessa natura insita in Lui. La forza è quindi il dominio, l’ energia che va dominata e guidata. L’ 11 è un numero che richiede un notevole uso di energie, può essere considerato neutro, poichè la sua forza vibrazionale richiede molto impegno. Un impegno che si può tradurre in responsabilità, responsabilità di avanzare, di crescere… ci si può fermare alla materia o avanzare nella spiritualità. Con l’ 11 è la massa a subire una scossa.. viene a indicare che tutto si sta velocizzando, ovviamente più si è avanti sul percorso, più si tende a sentire questa energia. Si dirà che i numeri sono numeri e che sono stati attribuiti dagli uomini a giorni e mesi per tempoindicarne il tempo. Ma ogni cosa o essere subisce le vibrazioni del proprio nome.. così il tempo è stato codificato. La massa è quindi interessata da queste vibrazioni che spingono a velocizzare le energie, a guidarle. Questo provoca tensioni , rallentamenti e separazioni. Il velo è fine, e il contatto dei mondi ancora facilitato. Le creature dei boschi ben si adattano a questo periodo, dove la tranquillità permette loro maggior libertà. E’ più facile il comunicare con Loro… Ma questo velo, tenue e argenteo è uno specchio che permette di guardarci, di riflettere l’ immagine dell’ Anima.. di scorgere le imperfezioni e i dubbi. Così come la Terra si chiude nella morsa del gelo, ci si chiude in Noi per scorgere i nostri limiti prima della rinascita. Ed è qui che l’ energia solare ci dona forza.. il Sole si adatta a questa velocità a questo evolversi e la sua attività potrebbe subire sbalzi a livello di tempeste solari. Una Luna in Scorpione che muove gli istinti e ci rende più percettivi..

Buon Novilunio allora )O(

Read More