Crea sito

Pesce d’Aprile

pesceLa ricorrenza del Pesce d’Aprile ha origini incerte poichè non si conosce esattamente nè quando nè perchè ebbe inizio questa usanza che  è diffusa in varie parti del mondo. Ci sono varie teorie che possono essere alla base di versioni diverse ma questa tradizione rimane da sempre avvolta in un alone di mistero.
Una delle tante leggende la fa risalire al 40 a.c. a opera di Cleopatra, la quale sfidò Marco Antonio a una gara di pesca. Antonio tentò di vincere facendo attaccare al suo servo un grosso pesce. Cleopatra non si fece ingannare e sostituì la preda con un simulacro in pelle di coccodrillo.
Bisogna però considerare, a essere più teorici e realisti, che anticamente alcune culture indicavano in questo periodo, legato all’equinozio di primavera, il capodanno. Si usava allora scherzare, ridere e festeggiare tanto che in Francia venne a crearsi l’ usanza del regalo al primo d’aprile consistente in un pacco vuoto. Sempre in Francia  questa simpatica usanza viene ad accompagnare l’uscita del sole dai Pesci per entrare in Ariete. In Italia gli scherzi del primo d’aprile  si diffusero  partendo da Genova, città di scambi commerciali importanti,grazie al famoso porto, negli anni tra il 1860 e il 1880. Dapprima furono i ceti superiori che si dedicarono a  questa tradizione poi essa contagiò anche i ceti medio-bassi. Incerta quindi l’origine ma divertente e diffusa… in Scozia si attacca il cartello sulla schiena dei conoscenti.

Strega Fata degli Incanti- B.C.

Read More

Le Croci di Ferro

KODAK FUN SAVER Digital Camera

La Croce Alla Valle

A volte si percorre e ripercorre la stessa strada per anni.. si guarda con occhio distratto le stesse cose da sempre che diventano un appuntamento fisso con la storia senza neppure badarci. Uno di questi punti particolari sono le croci di ferro, presenti in ogni borgo, che meno si fanno notare delle antiche cappelle o delle immagini votive. Salta all’ occhio solamente che in un tempo imprecisato della storia, per qualche motivo sconosciuto i nostri avi hanno posto croci in ferro che il tempo ha patinato di un colore brunito. Ma se andiamo a scoprire il perchè stanno lì, a guardia del luogo, ci si scopre catapultati in un tempo antico dove magia e dura realtà si fondono.

Un Pensiero di Stima

Non so con esattezza  lo scopo delle croci che sono presenti in Somma, ma di solito queste venivano poste per identificare un luogo, oppure era il luogo stesso a prendere il nome dalla croce. Un esempio è la Crus del Gall a Mezzana , nell’ incrocio di via Locatelli. Altre volte ricordavano un fatto tragico, o servivano di protezione per le campagne. Accompagnate da cippi o lapidi spesso ormai illeggibili, come quella in via Valle, segnavano la storia popolare. La nostra zona ha dato un alto contributo di uomini e di onore durante le guerre mondiali. E la povera gente innalzava monumenti semplici di ricordo e riconoscenza a chi si sacrificava per la patria. Ricordo che non va perduto e un pensiero di stima sia presente verso  tutti coloro che contribuirono a portare onore al Paese.

       La magia Delle Campagne

Ma se si va indietro nel tempo.. quando i contadini vivevano dei lavori rurali e la fede si mescolava alla superstizione.. i misteri venivano spiegati da gesti e riti arcani che mescolavano  gli  antichi culti al cristianesimo. Era un modo per vincere le paure, per darsi spiegazioni e speranze…

Queste croci venivano poste, tranne qualche sporadico caso, agli incroci. Lo scopo era di proteggersi dalle Streghe le quali lasciavano le loro malie all’ incontro tra le strade. La notte più temuta era quella di San Giovanni al Solstizio d’ Estate. Le Streghe erano solite incontrarsi ai crocicchi, mostrarsi ai passanti, e far si che i loro famigli, riconoscibili da segni di cenere come sigilli, compissero incanti. Spesso alcuni temerari, per riuscire a vedere gli spiriti, impiantavano il loro forcone nel terreno  e vi poggiavano il mento, Nel farselo così sorreggere , lo Spirito si sarebbe manifestato.

san_paolo_rogo_libriI Grimoni venivano bruciati all’ ombra di queste croci. Libri di Conoscenza, pochi a dire il vero, visto l’ analfabetismo. Erbari e mappe stellate. Magari male disegnate e frasi spesso sconnesse.. ma ritenuti demoniaci e quindi destinati al rogo. Il più delle volte diari di donne sole, o dedite alla cura con le erbe, piccole perle della vita di un tempo, andate perdute.

Spesso alle croci si univa un uso pratico. Lavorate in metallo segnavano il percorso del vento con la tipica banderuola che gira, in altri casi avevano lo scopo di proteggere le campagne dalla grandine.

La croce agli incroci segna da sempre il passaggio tra la dimensione dei vivi e quello dei defunti. All’ origine essa, se rappresentata a braccia uguali, è l’ emblema del Sole.

KODAK FUN SAVER Digital Camera

Una piccolo angolo del passato che si cela in stradine umili, o in centri più cittadini, nascoste dal verde o dal caos delle automobili. ma un pensiero non può mancare … quanta storia racchiudono e quanta poesia.. una manciata dei sentimenti degli anni passati. Briciole di dolore, speranza e paure.. la costruzione di un futuro migliore.. e il lavoro che ha lasciato viva traccia di chi ci ha preceduto.

Strega Fata Degli Incanti B.C.©


(Nell’ immagine una Tela di Lucio Massari 1569-1633-San Paolo, con la spada e la croce, soprintende al rogo dei libri).

Read More

Base Geodetica

KODAK FUN SAVER Digital Camera

Nella grande Brughiera, in fondo a via Valle, una grande scuderia ospita la base geodetica di Somma. Di questa opera molto si è parlato, per l’ importanza che riveste nei termini di storia, geografia e scienza.

KODAK FUN SAVER Digital Camera

La sua misurazione risale al 1788 e venne curata da tre astronomi dell’osservatorio di Brera. Il suo scopo era la misurazione geometrica dell’Insubria. Nel 1833 il Governo Austriaco ebbe a far rivalutare le misurazioni che vennero riconfermate. Le piramidi furono collocate in territorio dl Somma, di Ferno e di Nosate. I dati sono scritti sulla piramide stessa. Nella prossimità del luogo vi sono le antiche piste tedesche risalenti alla Seconda Guerra mondiale.

Strega Fata Degli Incanti B.C.©

Read More

Lunedì di Pasquetta e la Magia della Campagna

gitaIl Lunedì dell’ Angelo è una giornata aggiunta alla Pasqua per prolungare le feste ad Essa collegate. Ricorda l’ annuncio dell’ Angelo della Resurrezione di Gesù, alle donne, presso il  sepolcro. Le donne furono invitate dall’ angelo ad annunciare la notizia. Forse da qui l’ abitudine di accostare questa giornata alle gite e ai viaggi. Una interpretazione diversa di questa tradizione si potrebbe ritrovare in una sorta di commemorazione del viaggio dei discepoli verso Emmaus durante il quale Gesù apparve loro.

La festività è stata introdotta dallo Stato Italiano ma ,per l’ Italia non è di precetto religioso (ovvero la partecipazione alla Messa è facoltativa).

 

La Festa

Il Lunedì di Pasquetta è stato introdotto, in maniera ufficiale, solo nel 1949 dallo Stato Italiano. Le tradizioni si ricollegano però, a tutte quelle del periodo pasquale e ai fuochi dell’ Equinozio. In alcuni paesi la festa viene celebrata con cerimonie, processioni ecc..il martedì invece del Lunedì.

Antiche Tradizioni Contadine

Nella mia famiglia si usavano preparare , prima di Pasqua,in concomitanza con Ostara, dei piccoli cestini con i semi dei prodotti dell’ orto, grano, ceci, fagiolini,ecc.. poi si granolasciava il cestino in una stanza con la luce appena sufficiente perchè potessero germogliare. Solo al Lunedì dopo  Pasqua venivano tirati fuori, esposti appieno alla luce del giorno.

Il significato simbolico era il rifiorire della natura. Il seme era al freddo e al buio e con il periodo primaverile ritrova le energie e abbraccia il Sole della rinascita. Queste piantine erano come una guida che segnava la fertilità, la fecondità della terra per un buon raccolto.

Questa usanza sembra riallacciarsi al mito del Sole che muore in Inverno, si riposa, per lasciare il proprio posto alle forze del buio. Un buio tuttavia ristoratore, in cui l’ Antica Dea si corica nel ventre della Terra per rigenerasi feconda e permettere  il ritorno della bella stagione, il Dio Sole.

adone

Era uso, per alcune famiglie, anche lasciare un pò di pane sulla tavola perchè l’ angelo benedisse la casa. Da noi si usava una preghiera per i cari della famiglia e per un buon raccolto. Il pane era Sacro, non andava mai sprecato, neppure una briciola, perciò se si voleva “offrire” lo si dava , caso mai, a una persona bisognosa. (Quando ce ne era, visti i tempi duri…).

Questa tradizione dei cestini, per l’ altro uso diffusa un pò ovunque,ricorda il mito di Adone. La divinità Greca  (che in altri culti possiamo ritrovare con nomi diversi ma che riportano alla stessa essenza), era simbolo della  natura che nasce, florida e ricca di fiori e , feconda di vita, che veniva  addormentata dal freddo invernale impersonificato dal cinghiale. Per festeggiare il risveglio della stagione calda si celebravano, in suo onore, le  Adonie,tra aprile e maggio. Per accogliere il suo ritorno  alcune donne  portavano al tempio composizioni simili a giardinetti in vaso alla cui coltivazione si erano dedicate durante l’ inverno.

Il tempo ha cambiato alcuni usi, li ha adattati ai culti e alle culture, ma le origini sono antiche, nate dai primi riti e dalle espressioni di fede agli Dei che neppure il corso dei millenni ha cancellato.

Questo periodo era antecedente all’ apertura delle Processioni delle Campagne, il XXV Aprile ma questa è un’ altra tradizione..

Strega Fata Degli Incanti ©

(Alcuni dati storici sono stati ripresi da Wikipedia, la data di Pasquetta istituita nel 1949 fa parte delle mie reminiscenze scolastiche).

Read More

Vergiate e Dintorni

KODAK FUN SAVER Digital Camera

Antico Lavatoio di Cuirone

Oggi mi sono ritrovata  a visitare un luogo veramente affascinante.

KODAK FUN SAVER Digital Camera

Il Lavatoio

Vergiate  una cittadina del comune di Varese che ospita parecchi tesori del tempo. 

KODAK FUN SAVER Digital Camera

Il Ruscello

Nel girovagare senza meta, dopo una tappa al bosco di capre, ho girato un pò  per le vie delle frazioni fino a giungere a un bellissimo lavatoio. Cuirone con la sua chiesa e le cascine che riportano alla magia del passato è stato  segnalato dal FAI come “Luogo del Cuore”. 

Effettivamente non c’ è da stupirsi.. Angoli incantevoli con case rurali, pietre che ricordano lavori di costruzione del passato contadino. Terre antiche quelle del Vergiatese, che vedono le bellezze della natura fondersi al lavoro degli uomini, e alla cultura.

Il vecchio lavatoio di Cuirone è una piccola oasi e proseguendo verso Cimbro ho trovato aperta la chiesetta di S. Gallo.

san galloEntrando ho notato che è molto antica. Curata e raccolta, molto semplice, riporta ai tempi del XIII secolo, come ho avuto modo di appurare leggendo le guide poste attorno.

La curiosità mi ha spinto a domandare

KODAK FUN SAVER Digital Camera

a persone che come me erano in visita al luogo, e mettendo insieme le informazioni di varie fonti ne ho ricostruito un pò la storia.

La Valle dello Strona ha risentito dell’ influenza dei Celti, dei Romani e dei popoli germanici. I Cimbri avevano probabilmente origine germanica o celtica ed ebbero a invadere i territori Romani attorno al II Secolo a. C.

KODAK FUN SAVER Digital Camera

                                                    Antichi Resti

E furono questi uomini a portare , forse , una svolta nell’ agricoltura della zona.

Questo territorio era interessato  dal culto delle prime , antiche divinità pagane.

KODAK FUN SAVER Digital Camera

L’ abside della cappelletta sorse attorno al XIII Secolo, a protezione e funzione di una fattoria di proprietà dell’ Abbazia di San Gallo in Svizzera. Questa importante Abbazia viene più volte citata nella nostra zona quale proprietaria di terreni e beni immobiliari.

KODAK FUN SAVER Digital Camera

Alcuni reperti fanno pensare che fosse anche luogo di sepoltura di una famiglia della valle. Era comune , nei tempi antichi, costruire recinti cimiteriali nei pressi delle chiese e un piccolo massello in pietra lungo i muri della chiesa fa pensare che anche la piccola cappella abbia avuto ad accogliere i resti degli abitanti del luogo, o per lo meno di qualcuno di Essi.

Attorno alla Cappella un piccolo

KODAK FUN SAVER Digital Camera

percorso, ordinato e silenzioso accoglie i ritrovamenti dei resti di insediamenti d’ epoca romana e una stele celtico-leoponziana.

Un luogo pieno di energia e di storia, che ci viene regalato dal tempo. Una saggezza antica che si unisce alle vibrazioni accumulate nelle epoche, nel lavoro , nei culti e nel potere creativo di chi ci ha preceduto…

 Strega Fata Degli Incanti – B.C.©

 

 

 

 

Read More