Crea sito
Lug 27, 2016

Posted by in Home, Ruota Dell' Anno | Commenti disabilitati su Lammas

Lammas

lamLammas è il periodo del ringraziamento e di raccolta per ciò che abbiamo “seminato ” nei Sabba precedenti: è il momento di coglierne il frutto. Il grano e gli altri cereali sono sacri in questi 3 giorni, così dicasi per la frutta ,in modo particolare i mirtilli, tanto che dall’ abbondanza dei loro frutti si deduceva quanto sia  ricco il raccolto dell’ intero anno. La divinità di questa festa è Lugh, Dio del sole che sta andando verso il sonno profondo con l’ arrivo dell’ autunno. Ma è un sole comunque ancora caldo, fonte di luce che non rappresenta solo il clima della bella stagione ma richiama anche alla illuminazione interiore, alla potenza e lucidità della mente e dello spirito umano. Il Dio si sacrifica per mantenere in equilibrio l’ eterno ciclo della vita e della morte, la ruota dell’ anno. La terra ci offre i suoi frutti, sacrificati per generare nutrimento, così il Dio si immola. E’ tradizione offrire del pane alle erbe e nutrirsi con esso a immagine del sacrificio del Dio.

Ma ogni dono va ringraziato… riconosciamo anche in questa epoca moderna il valore dei frutti della terra e  omaggiamo l’ universo bruciando una candela arancio sopra una pietra e ai suoi piedi mettiamo piccoli doni: un pezzetto del pane da noi preparato, un pò di miele e alcuni ciottoli di fiume… tanti quanti sono i nostri motivi di ringraziamento: ogni ciottolino equivale a un grazie. Finito di bruciare la candela offriamo il cibo e i suoi resti alla natura mentre i ciottolini li possiamo tenere in un sacchettino arancio o in contenitore di vetro. Spesso, durante i prossimi mesi li useremo per ringraziare… ne potremo portare uno in tasca o in borsa per rammentarci di ringraziare spesso l’ universo. Lammas è il momento per meditare e trarre l’ energia vitale utile per ritrovare calma ed equilibrio ma anche per porre fine a situazioni e relazioni stagnanti.  ‘ L’energia è potente per purificare tutte le situazioni della nostra vita e ricominciare storie d’ amore interrotte: è il momento delle unioni e dei matrimoni. L’ideale sarebbe  passare una notte con il nostro amore in un luogo romantico, circondati dalla natura e dai fiori… non sempre ciò è possibile ovviamente, ma in questi giorni è possibile comunque circondarci di fiori e profumi, immergerci col nostro amore in una vasca alla luce delle candele (usare precauzione e i dovuti accorgimenti) circondati da incensi profumati.
L’ altare vede l’ uso di una tovaglia sui toni aranciati, con composizioni di grano e cereali, cestini di frutta e verdura (mele, zucchine ecc…) al pane saranno aggiunte erbe come origano e basilico. Come piatti affidarsi alla fantasia e ai gusti personali dando preferenza a cibi con menta e ortica, mirtilli e more. Le candele verdi, arancio e gialle: si onorano Demetra, Cerere, Lugh e tutte le divinità legate alla Madre Terra e all’ agricoltura.

KODAK FUN SAVER Digital Camera

L’ ultimo covone dell’ anno viene utilizzato per comporre un mazzetto adatto ad essere conservato per l’ anno successivo. A volte i chicchi di grano vengono uniti ad altri semi per essere donati alla Terra. Oppure essere usati per un piatto del banchetto.

 

Comments are closed.