Crea sito
Nov 2, 2015

Posted by in carte magiche, Ruota Dell' Anno | Commenti disabilitati su Carte di Picche

Carte di Picche

corvo2 di Picche

Il 2 di Picche è la Porta, la Soglia di 2 diverse dimensioni. Un passaggio che porta alla prova… un momento in cui bisogna fermarsi a  riflettere, a scegliere. Innalzarsi significa fare i propri passi con calma, secondo proporzione della Conoscenza e capacità finora acquisita.

Si ricollega al mito di Arianna, la quale con un filo rosso, affidato a Teseo, segna il percorso del labirinto. Un filo che simbolicamente sancisce un’ unione Sacra. Rosso come il sangue che è vita, invita a trovare la strada, attraverso la cooperazione e l’ unione. Il filo ci ricorda come le antiche danze delle Donne Sagge, avvenivano in una sorta di aggregazione. (Per questo , l’ anziana che mi svelò alcuni segreti sulle carte, mi disse di tenerle legate con un nastro rosso). Così ora è giunto il momento di trovare accordi e punti di incontro. Ma Dedalo raccomanda al figlio Icaro , anch’ esso racchiuso nel labirinto, di volare basso… un invito a non andare oltre le proprie risorse.. 

La Dea Fides accompagna questa carta. La Dea Romana dei patti ricorda come sia importante la parola data e la collaborazione. E raccomanda la lealtà nel mantenere integra la parola , la promessa e al’ amicizia.

Uso Magico: Aiuta a sancire l’ unione.

Si confeziona un piccolo diario e all’ interno , come segna libro un 2 di picche. Lo stesso deve fare l’ altra persona.. nello scambio si sancisce l’ impegno. Nel diario si potranno segnare le date importanti per l’ impegno preso.

Nei giochi di carte il 2 di Picche è la carta che vale meno, ed è quindi espressione di perdita, di abbandonare il gioco… ma il 2 è la coppia e si rifà al 2 di coppe che richiama , invece, al dare una risposta sia essa negativa che positiva. Da qui l’ usanza di strappare la carta per rompere un unione.

4 di Picche

Con Samhain inizia un nuovo periodo.. dedicato all’ interiorità dell’ anima, alla scoperta del Sè. Le notti si fanno più lunghe, il freddo invita al raccoglimento. Un clima ideale anche per la divinazione, specialmente per i quesiti rivolti alla spiritualità e che in alcune tradizioni viene consigliato di evitare, là dove possibile, nei giorni che vanno dal 10 al 20 novembre.
Il 4 di picche è considerata una carta dal significato funesto.
I semi posti ai 4 lati indicano una protezione, che si estende fino a divenire isolamento, solitudine. Certamente solide mura portano a proteggere ma diventano carcere se isolano anche da chi amiamo e da chi ci ama. Il suo significato divinatorio si estende alla materia.E’ una carta che spinge alla rigenerazione sia fisica che spirituale. Ben incarna questo periodo che invita a sondare la profondità della propria anima e fa da ponte tra il nostro mondo e quello dei defunti, degli Dei.
Uso magico.. come uno specchio riflette i nostri caratteri interiori. Il suo uso è da capovolta. Non dimentichiamo che picche equivale a spade. Oggetto magico, dotata di potere speciale, la spada è la dualità, il bene e il male, la difesa e l’ offesa.Nel simbolo in cui è rappresentata con una bilancia, viene a unirsi il significato di forza con quello di giustizia. Esso indica quindi il discernimento. E usata come uno specchio capovolto davanti a Noi , aiuterà a comprendere i “muri ” della materia, i limiti di alcuni retaggi da Noi assimilati per poterli abbattere.

 

Strega Fata Degli Incanti – Briante Cesarina ©

Comments are closed.