Crea sito
Nov 30, 2015

Posted by in Magia nel Mondo- Miti e Leggende, Ruota Dell' Anno | Commenti disabilitati su Babbo Natale- Storia E Magia

Babbo Natale- Storia E Magia

babBabbo natale è presente un pò in tutto il mondo. In alcuni luoghi appare vestito di nero, in altri di blu e poi come lo conosciamo noi, di rosso.

 San Nicola

La figura che ha dato vita, con queste fattezze, alla leggenda di Babbo Natale è San Nicola Di Bari. Vescovo di Myra, nell’ attuale Turchia, dove morì il 6 dicembre , presubilmente dell’anno 343. Alcune sue reliquie sono conservate in varie città, italiane ed estere, tra cui Bari. Viene ricordato in varie leggende per aver salvato bambini, poveri e indifesi.

Figure magiche

Certamente le leggende  hanno mescolato il folklore, i miti pagani e i racconti cristiani.
Così ecco che alcune tradizioni dei popoli germanici raccontano di un uomo, Santo e saggio che combatte e vince su un entità oscura grazie a oggetti sacri e lo costringe a cambiare il suo comportamento. Da Essere che spaventava i bimbi a creatura che portava doni.
Sembra che in alcuni casi questa entità abbia preso gusto a fare il buono e aiutato dai folletti, abbia poi indossato le vesti di Babbo folNatale.

Elfi e folletti sono abili aiutanti di Babbo Natale e in Islanda diventano loro stessi piccoli babbi. Come in un calendario d’ avvento consegnano 13 regali ai bimbi (uno per ogni giorno delle due settimane precedenti il Natale). Anche i folletti sono 13 e se il bimbo è stato monello i doni diventano patate.

In Russia troviamo Nonno Gelo, il quale è vestito di azzurro che arriva al 31 dicembre.

Personalmente ho visto effigge di Babbi Natale gialli, rossi, blu e persino neri. L’ ho sentito chiamare Papà Natale, Babbo, Santa Claus, San Nicola, Gesù Bambino ecc..
Ma oltre a Babbi, Elfi e Folletti vi sono anche personaggi fantastici nonnogeloe di origine antica e pagana.

La Capretta di Yule

Quante volte si vedono renne in paglia, ma a volte sono semplici caprette. Ebbene l’ origine è nordica.. Yule è il Solstizio di Inverno e nel periodo della sua celebrazione si festeggia il Sole e la Luce che muoiono e rinascono. Così si racconta del Dio del Tuono Thor che veniva impersonificato da un uomo mascherato vestito di pelli di capra.

capyuleCol suo carro guidato da capre solcava i cieli freddi invernali. Vi era anche un gioco- recita.. un uomo – capra moriva e resuscitava così come il Sole fa a Yule.
In riguardo alla renna bisogna dire che anche qui si trovano segni e simboli di tradizione pagana antica. La Renna è legata al freddo, al Nord Europa, ma è anche Sacra alla Dea Madre norrena. Creatura notturna e lunare che guida le anime dei defunti.

Il Primo Babbo..

La leggenda di Babbo natale la si ritrova poi nelle battute di caccia che Odino teneva con i guerrieri caduti e gli Dei.
Nel periodo freddo , quando il popolo si ritirava nelle abitazioni, il Dio e il suo seguito si destreggiavano nella caccia . I cavalli odinoaffondavano i grandi zoccoli nella neve e nel ghiaccio.. I bambini si intenerivano nel sapere gli animali al freddo….Essi non vi vedevano possenti e forti alleati dei guerrieri abituati a ogni clima e terreno… e il cavallo di Odino di zampe ne aveva ben otto. Il potere di volare, sopra acque e cieli lo rendeva speciale, ma Sleipnir, per i bimbi , pativa freddo e fame , là tra i ghiacci. E così nascosero carote, zollette e fieno nei grandi stivali accanto al camino o vicino alla porta. Odino commosso lasciò doni per i bambini. Da qui la tradizione di portare regali nei calzari da parte delle magiche e leggendarie figure natalizie….

 Fonte informazioni : wikipedia.

Comments are closed.