Crea sito

Le Tinte dell’ Arcobaleno

In questi giorni i temporali hanno dato pausa all’ estate. Potenti venti e tuoni hanno dipinto il cielo di un grigio intenso per poi colorarne la volta delle tinte dell’ arcobaleno. Fenomeno bellissimo, denso di leggende e tradizioni, mitologia e magia. Una sorta di unione tra cielo e terra, tra le dimensioni: quella umana e quella Divina.arco

Le due estremità: portali per altri mondi. Mondi legati alla natura, al piccolo popolo ma anche alla Dea, Per la sua purezza, i suoi colori e la magnificenza. Se si ripensa alla simbologia del camino, quel camino che per i nostri nonni era il cuore della casa, si potrà comprendere come l’ arcobaleno si ricollegasse alla magia della campagne. La canna fumaria elevava ai mondi superiori e sopra i tetti si ergeva l’ arcobaleno. A mezzaluna, simbolo della Dea, ma anche atto a  riportare il Sole , il Dio. Maschile e femminile, giorno e notte… Una dualità che ci invita  a fare scelte. A riflettere. Ci ricordiamo di Pegaso, cavallo alato che lo percorre. Ebbene l’ arcobaleno è un sentiero luminoso, pronto a essere cavalcato, oltrepassato per entrare nella profondità di Noi Stessi. Per evolverci.pegaso2

Il pentolone magico dello gnomo pieno di monete è il simbolo antico della vita. L’ arcobaleno, come una donna gravida, fa percorrere il periodo della gestazione. L’ oro ai suoi piedi è la nuova vita che nasce. Un figlio era continuità della specie, della famiglia e della tribù. una garanzia per i lavori agricoli, un sostentamento per la vecchiaia.pent

L’ arcobaleno era un messaggio dall’ altra dimensione, un invito a pensare.

Gli Antichi Saggi valutavano il pensiero portato dall’ arcobaleno.

Se si era stati corretti, nei pesi e nelle misure. (In fondo l’ arcobaleno ricorda un’ enorme bilancia).

Se si era mantenuta la parola data o un contratto.

Vedere le situazioni da più punti di vista, anche se opposti.

Si  pronti a un Percorso interiore?  a un cambiamento?

Poi dai colori si traevano altri auspici…

Sappiamo tutti che se si  illumina un prisma di cristallo con un raggio di luce, i 7 colori dell’ arcobaleno si riflettono. In ognuno c’ è una vibrazione, la vibrazione è energia, l’energia è potere e creazione.

Il violetto o Indaco sono i poteri intuitivi, la connessione con il mondo spirituale. Il blu indica l’ energia, la creazione, la protezione, l’ espansione.

L’ azzurro è la liberazione…

Tre colori che indicano trinità. La creazione insita in ogni culto. Sono le nostre capacità creative che vanno capite ed elaborate.

Il Verde, la connessione con la Terra e la Natura. Gli Spiriti degli Elementi. Il rispetto alla vita. Il ricaricarsi di energia. Da qui il giallo che porta la concentrazione. La mente che apprende, che comunica. Che dona e raccoglie la Conoscenza che si manifesta attraverso le vibrazioni dell’ arancione: il cambiamento. Si prede coscienza di sè, il controllo che col rosso diventa passione, forza e azione.

I colori sono collegati anche ai chakra nell’ ordine: 

Viola= Corona

Blu= Terzo Occhio

Azzurro= gola

Verde=Cuore

Giallo= plesso solare

Arancio= secondo chakra

Rosso= di base

Ma i nostri vecchi saggi di campagna leggevano il cielo con semplicità. Vecchie leggende e parole tramandate. Non conoscevano discipline con termini orientali o olistici. Loro sentivano il potere. E ogni evento era un pizzico di magia che si opponeva a una vita dura e a volte, troppe volte, dolorosa.

Se si nota bene i colori sono spesso sei… manca l’ azzurro. Forse gli Dei richiamano un potere un pò più terrigeno in questo modo. 

Esiste poi anche un’ arcobaleno notturno raro e quasi impossibile da vedere a occhio nudo… allora solo un biancore latteo si innalza nel cielo. Il bianco è il tutto, la completezza, l’ energia che racchiude tutti i colori.

I Colori al tempo dei nonni…

Se il colore Viola era il più intenso uva e vino a piene mani

Se arancione non mancherà nè granoturco nè pane

Se giallo raccolti di grano e cereali saranno copiosi.

Ricco sarà il raccolto, verdura e ortaggi, erba per gli animali, se il colore verde sarà predominante.

Rosso sangue.. essenza primordiale buono l’ olio del rosso illuminare.

Castagne e marroni, che toccano il cielo se vince l’ azzurro colore sincero.

Quando sorgono i sette colori, mai additare, mai offendere, urlare e bestemmiare. Segno degli Dei che aprono le porte. Mai maledire, mai criticare se la malattia non vuoi richiamare…

Chi faceva questo doveva restituire la malattia alla natura passando sotto un ramo fatto a curva. Di solito un albero Sacro quale Nocciolo o Sambuco. Si lasciava poi sempre un offerta di miele per la pianta. Altra tradizione era intrecciare un braccialetto di 7 colori e farlo portare al malato e poi legarlo a un albero che si prendeva il malanno.

Piccole usanze di un mondo incantato di qualche manciata di anni fa…

Strega Fata Degli Incanti – BC©

 

 

 

Read More

Lo Scrigno Degli Arcani Poteri

scrignoLo Scrigno Degli Arcani Poteri

Era l’ ultima notte di Gennaio, la pioggia scendeva lenta e disegnava grossi cerchi concentrici nelle pozzanghere che sembravano nero inchiostro. L’ acqua si infiltrava tra i sassi della “Rizava” (selciato di pietre) disegnando un enorme ragnatela che le luci della piazza illuminavano…

Si accendono le gocce di pioggia
come stelle prendono luce
tracciavano strani disegni
tra le vie buie
nelle stradine che sembran riposare
dove si affacciano gli antichi portoni..

Gli Stalli erano paesi nel paese…
Dall’ esterno si vedeva il portone, magari incastrato tra due muri un pò storti, poi oltrepassato questo una piccola piazza e tanti passaggi, piccole strade, scale e balconi… le finestre si accendevano della luce delle candele e dei focolari che erano l’ unica illuminazione dei vecchi cortili, dove si udiva solo il rumore del vento e della pioggia e si respirava l’ odore dell’ umido.
E in uno di questi locali prendeva vita un antico grimonio, fatto di poesie, racconti, e sogni, che è andato perso col tempo ma che è rimasto impresso nella mia memoria con l’emozione della sua lettura anni dopo, quando per amore del fato mi è giunto, solo per poco e per caso tra le mani.
L’ anziana che lo aveva scritto vi aveva dettato la sua Saggezza, i suoi desideri di un erà passata, assieme a vecchie foto stinte e ai sogni da ragazza.
Tra questi la magia della cenere. La candela bruciava sul carbone ardente, si consumava veloce, sarebbe poi stata sminuzzata e ridotta in cenere e ancora sale grosso fino a farne polvere d’ argento.
Sciolta nell’ acqua di quella pioggia benedetta, sarebbe servita da inchiostro per scrivere, grossolanamente, con una penna, un’ invocazione di protezione.

Che sia bandito ogni male
protette siano le pareti
dove poso i piedi e dove guardo al cielo
sia Luce…

Tratto dal Libro “Lo scrigno degli Arcani Poteri- Memorie di una Strega della Terra Insubre”- Briante Cesarina 2016-  ©

Read More

Litha

IMG0091AA Litha  la Dea è gravida ..la terra contiene il seme della vita che ci viene donato coi frutti della terra. Il sole col suo calore ha fatto crescere il seme ed è il momento del raccolto… e nel raccolto ecco il cadere  nuovi semi a simbolo del ciclo della vita.E’ il Dio che si sacrifica (il frutto colto, il grano tagliato) per generare nuovi semi e nuova vita.E’ il momento della raccolta delle erbe da effettuare col bolline, lo specifico coltello o falcetto  destinato  a questo uso specifico. Possiamo raccoglierle con la destra e deporle nel cestello e nei sacchettini con la sinistra o usare direttamente la sinistra per raccoglierle .. secondo come ci sentiamo a nostro agio. I sacchettini ideali sono quelli marroni in carta che usiamo anche per il pane, le erbe rimarranno così ben divise.

 

Il sole giunge ora al massimo splendore per poi iniziare la sua discesa, questa può essere rappresentata dalla grotta..il sole al suo culmine è posto sopra di essa per poi scendere nel buio al suo interno, nelle viscere della terra, verso la stagione fredda.10273409_822955891066544_3598568797187466074_n

Porre un immagine della Divinità nei pressi di una grotta è simbolo del passaggio della soglia: le porte che segnano i ritmi della natura e i confini tra le dimensioni.

L’ estate è al suo culmine, nel suo giorno più lungo, in cui il Sole è al suo massimo Potere e per questo è onorato e la sua forza, la sua energia, viene a essere richiamata.

Notte di mezzaestate in cui le erbe vengono bruciate nei falò e nuove erbe raccolte.

Notte di divinazione e sogni profetici, di passaggi di segnature,di falò, canti e danze. druido1

Chi si ama stringe le proprie mani sopra Sacro Fuoco e si salta assieme.

Gli Spiriti ci sono più vicini: sottile è il velo che divide i mondi ma l’ energia che distingue Samhain da Litha è tangibile… se Samhain è portato al raccoglimento, alle Tenebre intese come a un incontro con Se Stessi, con la parte più profonda dell’ Anima, quella parte buia fatta di limiti, di paure ma anche di Antica Saggezza, Litha esprime la sua energia in un modo più luminoso, caotico e vitale… la vita all’ apice della sua manifestazione. Litha è il sacrificio che apre alla vita.

Gli Spiriti della natura si manifestano, danzano, entrano per un attimo nell’ esistenza degli uomini, la Natura esplode di energia.

Lode a voi Signora della Notte

che accendete le Tenebre di Saggezza.

Nel buio più Sacro l’ inno alla vita echeggia

canto antico di mistico potere.

I Vostri raggi attraversano le fronde 

musica soave che accompagna le creature della notte.

Si risveglia la Dea. 

Vestita d’ argento

dei flutti delle acque 

tra Ondine danzanti 

elargisce i suoi doni.

Stille preziose si mutano in rugiada

come acqua lustrale 

intinta dei profumi dei fiori

magica pozione per bellezza e amori…

La Strega prepara unguenti e botticelle incantate.

Richiama a Sè le fate.

Si specchia nell’ acqua increspata dal vento e leva ogni tormento…

Strega fata Degli Incanti- B.C.©

Read More

Incanti sulla Ruota del Tempo – Giugno

fontanella 1

Incanti sulla Ruota del Tempo 

1°Giugno:  All’ alba buttate dietro alla vostra spalla destra del cotone, vi porterà fortuna.

2 Giugno: I gerani rafforzano  l’ intuizione nel percepire chi si avvicina alla nostra dimora, inoltre se posti in una luogo assieme al  Plectranthus  – pianta dell’incenso, aiutano a tenere lontano le zanzare e altri fastidiosi insetti.gerani

3 Giugno: Fate un portachiavi con una noce o una ghianda. Se usate la noce apritela e mettete
al suo interno dei testimoni: riso, alloro e zucchero.

4 Giugno: Cospargere una candela bianca con oleolito al basilico aiuterà a combattere le
negatività.

5 Giugno : Luna Nuova alle 5.0o circa in Gemelli.

6 Giugno:Potete purificare la casa con salvia e una candela
“luminosa” La candela “luminosa è una candela generalmente bianca che si carica
visualizzandola di luce. La forza cosmica la carica di energia al punto tale che, con la
vostra mente, la sentirete risplendere.

7  Giugno: Miscela per l’ astrale .

porre in un sacchettino viola da tenere accanto
artemisia, cannella e sandalo.

8 Giugno: Un sacchettino bianco o violetto con viole e vetiver attireranno la fortuna.

9 Giugno: Se avete perduto qualcosa cercatela con alcune mandorle in tasca e un fazzoletto a cui avrete su fatto su 3 angoli un nodo.

10 Giugno: Noce moscata, timo,anice stellato messi su una candela verde di giovedì
aiuteranno negli affari.

11 Giugno: Fate un ciondolo con un seme di anice stellato e alloro per attirare la
buona sorte e la vittoria.

12 Giugno: Primo Quarto-Unguento per la divinazione. Sciogliere un pò di cera assieme a olio di mandorle dolci in proporzione di 3 parti di
cera e 1 parte di olio. Aggiungere olio di camomilla, cedro e un pizzico di mirra e incenso. (Usarne un tocco sul terzo occhio, appena accennato, se non si è intolleranti alle erbe).

13 Giugno: Miscela magica per il bagno d’ amore.
Unire parti uguali di vaniglia, scorza di arancia, gelsomino
e rosa. Chiuderla in un sacchettino argento o bianco con fiocco argento.

14 Giugno: Lavare casa con acqua a cui si sarà aggiunto limoni biologici o acqua di infuso di lavanda(attenzione ai materiali che non si rovinino)

15 Giugno: Aggiungere infuso di lavanda all’ ultimo risciacquo della lavatrice. Purifica i vestiti. (attenzione al tipo di stoffa).

16 Giugno: In una mano tenete del riso e visualizzate un desiderio. Esprimete la vostra
richiesta alla Dea/agli Dei, e gettate il riso in un corso d’ acqua. Avrete la
benedizione dagli Dei.

17 Giugno: Una candela azzurra profumata alla lavanda concilierà il sonno, ma spegnetela
prima di addormentarvi. Usare cautela.

18 Giugno: Osservare un immagine buffa alla luce di una candela arancione o gialla porterà
buonumore.

19 Giugno: La candela blu è dedicata a Giove e si utilizza negli incantesimi relativi al
cambiamento e alla ricchezza. Elemento acqua, giorno giovedì.

20 Giugno: Luna Piena in Capricorno a 0,05° circa- Vuoto di Luna. Solstizio d’estate 20 Giugno 2016 22:34
21 Giugno: Incanto delle 7 fonti e chiara d’ uovo

22 Giugno: Raccolta dell’ Acqua lustrale. Lavarsi il viso con l’ acqua esposta alla Luna e profumata dai petali di 9 fiori magici.

23  Giugno: Raccogliete all’ alba alcuni sacchettini di sabbia. In uno di essi ponete un quadrifoglio essiccato e una pietra d’ ambra. Sarà un potente portafortuna e quadrifogliofungerà da protezione per il successo.

24 Giugno: Giornata per la divinazione. Potete usare i metodi ” naturali” : geomanzia, osservare le nuvole, il vento, l’ acqua ecc…. per trarne oracoli

25 Giugno: Le piume di pappagallopappagallo rappresentano, per alcune popolazioni, del Nord America, l’ arcobaleno. Simboleggiano la comunicazione e la comprensione .

26 Giugno: Se camminando in riva a un fiume trovate un sassolino bianco potete scriverci il
nome di chi amate. Posto sotto il cuscino ve lo farà sognare.

27 Giugno:  Ultimo Quarto – Per cacciare la tristezza bagnate un fazzolettino bianco con le vostre lacrime, poi
arrotolatelo e piegatelo come un fagottino annodato con un fiocco arancione. Seppellitelo vicino ai fiori.

28 Giugno: Il simbolo dell’ Otto coricato rappresenta la continuità e l’ equilibrio.

29 Giugno: 3 spighe di piantaggine legate insieme con un nastrino rosso e un calcedonio
proteggeranno i vostri viaggi.

30 Giugno: Incenso per i nativi del Segno del Cancro: gardenia, loto e giglio. (aerare sempre e verificare eventuali intolleranze alle erbe.

 

Read More

Bagliori di Lucciole al Castello- Leggenda

KODAK FUN SAVER Digital Camera

La Dea Diana

Il fiume, i boschi e i prati si accendevano di bagliori. Piccole fiammelle danzanti, eteree come fate accendevano i sogni dei nostri nonni.

GIF lucciole

L’ estate era giunta… dalla finestra Lina vedeva i campi accendersi di lucciole. Ancora bambina quante volte si incantava davanti a quei prati. Intensamente bui la notte, si accendevano alla luce delle tempeste, quando il vento soffiava forte e scuoteva i rami delle betulle, oppure quando il cielo era calmo e la luna sembrava un enorme caciotta che  pareva sorridere al suo sguardo verso il cielo…

Gli intensi occhi verdi si perdevano dietro ai piccoli coleotteri. La mamma, piuttosto severa, pretendeva che l’ ora del sonno fosse rispettata, ma Lina scivolava via dal letto e ammirava lo spettacolo di nascosto. Un segreto tra lei e la natura.

diananotteLa sorella più grande le aveva raccontato che erano le anime che tornavano a salutare. Piccole fate che ci regalavano sogni e ci venivano a trovare. Per entrare nel nostro mondo assumevano l’ aspetto di piccoli insetti, ma non perdevano del tutto la loro luce, e così accendevano la notte e correvano per le strade, lungo il fiume, tra i boschi , fino a giungere al parco del castello per danzare attorno alla statua della Dea Diana.

In un canto di lode alla natura creavano scie di luce, si posavano sulla statua e la incoronavano a ricordare la sua Maestà, la sua bellezza, e la Dea, felice , generosa come un tempo quando benediva i campi per renderli fertili, dispensava doni.

I ricordi la cullavano, quella notte , quando ormai adulta, si era fermata ancora una volta a vedere come un pezzetto di cielo era sceso sulla Terra e pensava alla statua illuminata e incantata al parco, un dono in fondo glielo aveva fatto quella notte magica… l’ amore, una promessa scambiata che sarebbe durata per sempre…dea benedice

Nota: la Dea Diana è divinità legata alla caccia e alla vegetazione, ma in tempi remoti questa Dea Lucina si dice volasse sui campi per benedirli e renderli fertili. La sua ricorrenza, adattata al calendario romano, ebbe a compiersi nel periodo invernale del Solstizio. Col tempo prese le sembianze di un personaggio tradizionalmente poco aggraziato, una strega buona ma brutta e vecchia, la befana appunto. Per questo la Dea Diana del Parco, la grande statua voluta da Cesare Visconti e opera di Falcone, venne soprannominata la “giubiana”

Strega Fata Degli Incanti – Briante Cesarina©

Read More

Falene e Farfalle – Significato Esoterico

farfalle3E’ un tocco soave accarezzare una farfalla… la polvere che viene rilasciata dalle sue ali ricorda la magia delle fate, che distribuiscono, secondo alcune leggende, particelle argentate al loro passaggio. La realtà è spiegata dalla scienza: piccole squame ricoprono le ali di falene e farfalle che all’ occhio umano le fanno apparire leggero pulviscolo.

Farfalle e falene  sono identificate come Lepidotteri.

Molte leggende popolari accompagnano farfalle e falene, le quali sono legate all’elemento Aria e viste come portatrici di messaggi funesti o meravigliosi secondo colori, modo di presentarsi e luogo di posa.

Le farfalle chiare, solari, variopinte che svolazzano perdendosi tra i venti come in una danza sembrano portare liete notizie.

Le falene, che si muovono  sopratutto di notte, sono, per alcuni, apportatrici di sciagura.farfallan

Nella fattispecie le farfalle nere vengono viste con paura. E’ diffusa credenza che una farfalla nera che si posa sullo stipite di una porta indichi una morte in quell’ abitazione. In molti casi viene vista come presagio o come una visita da parte di un defunto che ci viene a salutare, un’ anima in pena o lo Spirito di una Strega che cerca di comunicare con le sorelle.

Ogni luogo ha sua tradizione. I disegni sulle ali rappresentano 24occhi: occhi che scrutano, che spiano ma anche che portano visione e invitano a guardarci dentro per compiere una trasformazione. Infatti i lepidotteri da larva diventano splendidi animali alati, e questo loro messaggio di mutamento viene colto da chi le ha come animale- totem.

Le loro  caratteristiche li rendono perciò animali più adatti a essere identificati come “protettivi” che non apportatori di disgrazia.

Una delle più famose falene  è l’Acherontia atropos  della famiglia degli Sfingidi.

Soprannominata  Sfinge testa di morto grazie a un fenomeno di pareidolia che fa sembrare che rechi sul dorso l’ immagine di un teschio.

La  pareidolia  è una forma illusoria in cui il subconscio tende a ricondurre a forme note immagini, disegni, oggetti o profili (sia naturali che  artificiali) dalla forma casuale o confusa. Un esempio tipico le nuvole, le macchie di umidità ecc… le cui forme sono dettate dal caso ma sembrano rispecchiare immagini ben definibili e interpretate singolarmente in modo diverso.

farfalle_5In epoche oscure veniva definita la Farfalla del Diavolo e secondo le dicerie, usata dalle Streghe per malefici mortali. Il nome del nemico veniva sussurrato alla farfalla  la quale si recava dalla vittima designata per arrecargli la maledizione.

La falena si nutre  particolarmente di miele. Il suo nutrimento avviene tramite l’ apparato della bocca e quando aspira aria fa un suono stridulo che la rende ancora più temibile. I passa- parola, la superstizione ha reso ancora più marcate le caratteristiche negative di questo animale.

Un lepidottero, nella fatti specie una falena entra in casa se trova la luce, e non è per noi di minaccia, caso mai, come nel caso di altri animali “vittime” di superstizioni, sono alcune persone di pericolo per Loro.

Per chi è nel Percorso in modo serio ogni creatura è degna di rispetto. E una falena indica una manifestazione della natura che si presenta carica di magnificenza e vita.

Sognarla è un messaggio del nostro Io profondo che ci indica la fragilità, il bisogno di isolamento momentaneo per riflettere, per sentire quella parte di noi che il clamore assordante della vita di oggi tende a zittire. Se una falena ci disturba in sogno indica che siamo fragili, abbiamo bisogno di sostegno e di rinforzo.

Nelle nostre zone le falene sono bellissime, i disegni sulle ali richiamano splendidi occhi di pavone.

Il pavone è l’ animale che per eccellenza si collega allo stato dell’ uomo che giunge alla Conoscenza. Il mondo infero, non collegato a quell’ immagine negativa a cui spesso è associato, ma come profondità dell’ Anima. Bisogna saper scendere nelle “Tenebre” dei dubbi, delle paure, staccarsi dai retaggi per potersi elevare. I colori del pavone simboleggiano la Divinità animica che si è arricchita della Saggezza per giungere alla Completezza.farfalle_44 Nulla di negativo quindi nella falena e nel suo significato. Come ogni essere vivente Essa fa parte del ciclo naturale, lasciando da parte le superstizioni, accogliamo con gioia la visita di una farfalla simbolo di una natura che si rinnova.

Strega Fata Degli Incanti – B.C.©

 

Read More

Incanti sulla Ruota Del Tempo

rosagialla2

Incanti sulla Ruota Del Tempo.

Ogni giorno un pizzico di magia.

1° maggio: Indossate al collo un piccolo sacchetto color oro con dentro 3 foglie di ulivo per avere la fortuna dalla vostra parte.

2 maggio: presto avremo i frutti del nostro orticello, un pomodoro raccolto o comprato (che sia bio) e posto su un ripiano è un dono per il mondo astrale. Dopo 5 giorni andrà sotterrato.

3 maggio: Se passeggiando troviamo un sassolino bianco e liscio raccogliamolo ed usiamolo, al bisogno, per questo piccolo incanto.

Scriviamo il nome di colui che amiamo e poniamo il sassolino sotto il cuscino, la persona amata o agognata ci sognerà o sentirà la nostra presenza in sogno.

4 maggio: Sacchettino di Saturno anti – jella: un sabato mettete in un sacchettino rosso, piombo, aglio, 3 grani di sale e basilico.

5 maggio: Lo Spadone è una pianta magica utile a molti scopi in magia, il suo bulbo per la bellezza, i petali blu per la ricchezza, se tenuti tra i soldi.

6 maggio: Luna Nuova, lode e onore alla Dea. 

7 maggio: Per le nuove occasioni: Durante la luna nuova, caricate una candela bianca con olio di oliva, una argento e una oro (tea light) e miscelate semi di papavero, verbena, origano,cannella,poi aggiungete un pò della cera delle candele oro e argento. Caricate il tutto imponendo le mani e visualizzando una porta che sia aperta …. dietro la porta ci sono tutti i desideri e progetti che si realizzano.. Poi mettetela in un sacchettino blu e usatela ogni volta avrete necessità mettendola davanti a voi , in borsa ecc…

8 maggio: Oggi festa delle Dee, onoriamo tutte le Dee con altari di fiori, canti e candele…

9 maggio: Festa di Artemide che secondo i greci era figlia di Zeus e Leto o Latona e sorella gemella di Apollo. In epoca romana venne identificata con Diana, mentre gli Etruschi la chiamavano Artume. Tra i molti simboli sacri vi sono l’ albero del cipresso e, come animale, il cervo.

10 maggio: Il porpora è un colore, per le candele, da usarsi se esperti, per incrementare i guadagni.

11 maggio: E’ importante imparare a fare gli incensi da noi grazie all’ aiuto di un mortaio e delle erbe.

Sono pochi i comuni bastoncini in vendita che vanno bene per la magia. Sono tenuti insieme da colle che non sempre sono salutistiche. In magia vige la regola del semplice e naturale!

12 maggio: Rituale per la prosperità : prendere una candela in cera d’ api, tipo tea light o comunque in un bicchierino,  e vestirla con olio alla cannella, porvi davanti una moneta in rame, 7 chicchi di riso e un pò di timo, e a cera calda immergervi la moneta. Quando si è raffreddata mettere il tutto in un sacchettino verde.

13 maggio: Primo Quarto preparate la vostra tisana preferita, o il caffè o ciò che più vi mette a vostro agio, secondo la stagione, e dedicatevi ai vostri progetti alla luce di una candela blu.

Fissateli su un pezzo di carta, anzi tenete un quaderno per questo progetto, e segnateci tutto : i vostri desideri, come sarà la vostra vita, ecc… poi segnate tutti i successi.

 

14 maggio: Anche le streghe hanno debolezze e la voglia ogni tanto, di usare incanti non proprio etici, tipo manipolare un evento o una persona. sarà buona cosa accendere incenso di olibano e lavanda (non i soliti bastoncini ma incenso vero) e una candela bianca. Meditare con un ametista tenuto in mano a pochi centimetri dal 3° occhio per pochi minuti. Ovviamente nel Cammino si presentano e si superano questi momenti con la forza che la Strega ha in Sè forgiati, frutto della saggezza forgiata dalla sua stessa etica.

15 maggio: prendete 3 nastri uno rosso , per l’ amore, uno dorato per il successo, uno bianco per la protezione e passateli sopra il fumo di un’ incenso a base di olibano e cannella, poi intrecciateli e ripassateli solamente nella cannella, poi nella polvere di petali di rosa, poi nel basilico sbriciolato.

Fatevelo legare al polso destro da qualcuno che vi vuole molto bene o alla caviglia destra.

16 maggio: il pentagramma di invocazione si traccia partendo dalla punta (spirito), si scende fino alla ipotetica punta in basso a sinistra (elemento terra), si sale fino a formare la punta in alto a destra (elemento acqua), poi a sinistra fino a una ipotetica punta in alto a sinistra (elemento aria), poi una punta in basso a destra (elemento fuoco) e si ritorna alto poi si sigilla scendendo ancora una volta fino in basso. Serve a richiamare energia e evocare.

17 maggio: il pentagramma di bando si traccia partendo dal basso a sinistra (terra), si sale fino alla punta in alto(spirito), si scende a destra fino all’ elemento fuoco posto in basso a sinistra, e si risale fino all”aria che è in alto a sinistra, poi fino alla punta in alto a destra (acqua) e alla terra (in basso a sinistra) per sigillare la chiusura si torna in alto allo spirito. Serve per congedare le energie e bandire.

18 maggio: Festa Di Aradia purificate e gli strumenti e gli ingredienti che usate nei rituali. Potete utilizzare acqua con sale e lavanda per purificare voi stessi e poi acqua e lavanda o artemisia per gli strumenti. Ogni erba o liquido va infusa di potere.

19 Maggio: Miscelate cacao in polvere, cannella in polvere e zucchero a velo in parti uguali. Visualizzate su di esso i progetti più belli, i desideri e i sogni. Usate questa pozione magica – per addolcire il caffè o il latte prima di addormentarvi o in compagnia dell’ amato/a.

20 maggio: Gea o Gaia, rappresenta la Madre Terra, lodiamo la Dea con offerte alla natura e candele verdi.

21 maggio: Luna Piena, Esbat Bacchetta triplice: : legate insieme un rametto di nocciolo che rappresenta conoscenza e saggezza a uno di ulivo che è la calma e il potere e uno di quercia forza e solidità con un nastro rosso e oro, partendo dal basso e salendo a spirale, so potrà arricchire di pietre fissate con filo di rame (quarzi e ametiste):  sarà una bacchetta per riflettere meditare e diventare più potenti.

22 maggio: Il giorno del compleanno è un giorno dove o rituali non si realizzano o partono in quarta… per aumentare la vostra energia accendete , a partire dal giorno del compleanno, per una settimana ,una candela ogni giorno diversa: rosso, arancione, giallo, verde, blu, indaco e violetto.

23 maggio: Durante un incontro tra amici o parenti bruciate un incenso di menta e anice stellato e accendete candele arancioni e rosa e bianche vestite con olio di menta.

24 maggio: E’ d’ uso accendere una candela bianca al centro tavola per una serata romantica.. accenderne una verde aiuta la famiglia a essere più serena e ad attirare il benessere.

25 maggio: Bagno di purificazione e incenso in casa dopo l’ eclissi.

26 maggio: Un amuleto in oro o argento per la prosperità si ottiene con un ciondolo a forma di carta da gioco portato al collo e caricato per 7 giorni alla luce di una candela verde o oro, iniziando di domenica in luna crescente e incenso alla cannella o vetiver o menta.

Ungerlo tutti i giorni con 3 gocce di olio essenziale a base di caprifoglio, menta e timo.

Scegliere una carta dal significato benevolo.

27 maggio: Secondo le culture di alcuni popoli del Sud – America , le piume della colomba sono ricollegabili ai rituali di pace. Quelle dell’ anatra a rituali legati ai passaggi dell’ età, ad esempio alle iniziazioni di un giovane che arriva alla maggiore età.

28 maggio: Un amuleto a forma di fulmine aumenterà la forza e il potere durante i rituali.

29 maggio: Ultimo Quarto L’ ottone è un metallo che allontana gli spiriti maligni dalla casa e protegge dalle streghe.

30 maggio: il numero 8 in orizzontale è simbolo del ciclo costante,dell’ eternità e dei 2 astri principali: sole e luna.

31 maggio: Un buon incenso per i nativi dei gemelli è formato da lavanda, menta e olibano.

)O(

 

Read More

Piccoli Frammenti di Storia: Il Lume

tarocchi animati 3Ci sono angoli della casa che accolgono oggetti ormai in disuso. Piccoli frammenti i ricordi di cui non ci si vuol liberare, tanto è forte il legame col tempo. Ma che ogni tanto senza motivo vogliono essere ancora vissuti e riappaiono, casualmente, in un vecchio cassetto o una cassapanca. Capita che cercando una foto dei nonni appaia il loro vecchio lume. Accarezzare i loro oggetti è come percepire le loro vibrazioni Un alito di vita rimasto intatto nello scrigno dei pensieri. La tentazione di provarlo. Accendere quella fiamma per ridarle una sorta d’ anima.  Lo stoppino brucia lento e nell’ osservare la fiamma vedo riflesso nel vetro il mio volto. I tratti confusi disegnano tanti ghirigori, e in quella chimera ritrovo pensieri sopiti.

La fiammella sale e scende, danza e sembra spegnersi per riprendere forza. Stranamente, la suggestione, impegna l’ intero ambiente e mi riporta a profumi, anche se acri, che erano tipici di un’ altra epoca.

Il scendere della sera porta fresco, con piccoli brividi, che ancora, nonostante sia maggio inoltrato, non hanno ancora lasciato spazio al tepore di un’ estate alle porte.

La memoria va indietro nel tempo. il ricordo di una piccola scottatura, un segno da nulla che mi fece piangere da bambina.

Uno strano unguento tratto da un vasetto casereccio mi cura e come una formula magica lenisce il bruciore.

Negli anni ho ricostruito quella ricetta che ora riaffiora nella mente. Più o meno era così composta: 

Cera d’ api 15 grammi (mai usata ancora grezza e pura, non il rimasuglio di cera della candela per intenderci).

Preparare un oleolito di calendula ( i fiori secchi fatti macerare in olio d’oliva (50 g per mezzo litro).       Grammi 30

Poche gocce di succo di cipolla.

Miele un paio di cucchiaini scarsi

Far condensare su fuoco senza che bolla pochi istanti e aggiungere olio di lavanda circa 9 gocce. Lasciare intiepidire e versare in un barattolo di vetro. 

Questo procedimento è stato da Me riportato solo per Conoscenza. Una curiosità, come tante che riaffiorano. Testimonianza di tempi antichi. Ovviamente non esorto ad usarla, declino ogni responsabilità sull’ uso di erbe e ricette qui postate. Lo scopo, ripeto non è di dar cure. Per qualsiasi problema rivolgersi al medico o farmacista che le erbe, per i loro componenti, vanno usate solo sotto controllo di un esperto del settore. Questi sono solo frammenti di un tempo passato che è virtù non perdere…

Strega Fata Degli Incanti – B.C. ©

 

Read More

Gli Incanti – Ottenere con e la Magia

fata3Il pensare che gli incanti e quindi la magia siano un mezzo di appagamento per i nostri bisogni più umani indica non averne capito l’ Essenza. 

Solo dopo un lungo Percorso in cui l’ Anima si è arricchita della Conoscenza si potrà verificare un sensibile miglioramento nella nostra esistenza. 

Bisogna saper cambiare Noi stessi prima di cambiare il mondo circostante nel nostro microcosmo. E non viceversa.

Non cambiamo, sostanzialmente,nessuno ma le situazioni e le persone risponderanno in modo diverso alle nostre vibrazioni.

Strega Fata Degli Incanti – B.C. ©

 

Read More

Essere Strega

Essere Strega

Essere Strega…

La Stregoneria è un Arte dai mille Sentieri i cui modi di espressione, per quanto diversi se realmente appartenenti all’ Opera della Conoscenza, portano alla realizzazione di Sè. A promuovere e riaccendere la Scintilla Divina che nell’ Opus Magnum trova compimento.

E’ quasi impossibile definire tutti i canali e i metodi, i culti e le correnti che portano alla definizione di magia.

La partenza è nel Conoscere la storia dell’ Uomo da cui la figura della Grande Madre ha preso forma: un culto che è l’ inizio della Stregoneria, il valore della Saggezza e del Potere Femminile che è insito in ognuno e che ora è soffocato dal vivere quotidiano coi sui ritmi frenetici.

Il Politeismo ( dal greco antico πολύϑεος «che ha molti dèi * ) è in affinità con la strega poichè lungo il suo Cammino, è possibile per Essa, entrare in connessione con Entità di ogni piano dimensionale, incluse le Divinità. Per fare ciò dovrà affinare, per gradi la sua preparazione e il suo stato vibrazionale.

Lo staccarsi da vari retaggi, in una sorta di pulizia spirituale che la ricongiunge alla natura le fa superare il concetto di bene e di male presente in alcuni culti e correnti. Essa riconosce il ritorno a quella purezza interiore che era presente all’ inizio dei tempi a cui si unisce la sapienza di un lungo Cammino.

La Sacralità non si esprime solo in un rito. Non è solo l’ altare, l’ accendere candele o l’ incenso. E’ qualcosa di più profondo. E’ la mutazione della nostra energia. E’ saper dirigere l’ energia stessa e il saperla dirigere. E’ il cambiamento profondo che, elaborato dalla mente, si riflette sulle situazioni circostanti mutando, in meglio, la vita. Questa alchimia genera un processo doloroso. Il rilasciare è spesso difficile e richiede pazienza e impegno. La Sacralità si esprime in ogni atto del quotidiano. Essa si può tradurre in un continua opera di raccoglimento e studio che genera Saggezza: Ciò va oltre lo studio sui libri, anche se questo è compreso, ma nell’ esperienza di ogni istante della singola giornata.

Strega Fata Degli Incanti – B.C.©

*Etimologia della parola: Dizionario Treccani

Read More

Un Pellegrinaggio al Sacro Monte nel 1604

sacromUn caldo sabato del mese d’ agosto dell’ anno 1604 vide il ritrovarsi dei cittadini Sommesi presso la piazza di S. Agnese.

Era l’ alba e la notte aveva poco rinfrescato quell’ afa pesante tipica dell’ estate.

Circa 2000 persone in partenza per il Sacro Monte. All’ epoca erano in costruzione le 14 cappelle e lo stradone.

Un luogo immerso nella natura, dove la fede si unisce all’ arte. Da sempre un oasi di pace dove meditare, sede di un monastero che ha ispirato quest’ opera artistica che vedeva ora il suo realizzarsi.

Giovani e anziani, con tamburi , strumenti e offerte. Animali carichi di tutto ciò che necessitava per un viaggio, a quei tempi impegnativo.

Le Confraternite di S. Vito, S. Bernardino, S. Rocco, l’ organo preposto di S. Agnese col Prevosto Francesco Carabello, il canonico, i consoli della città che rappresentavano rispettivamente la Parte Alta denominata Dell’ Olmo, e la parte bassa Valgella. Alcuni congiunti dei Visconti rappresentarono la nobile casata e i muli recavano le offerte per il Santuario. Una folla di uomini e di bestie da soma. Si parlava di 127 fra cavalli e muli, trasportanti grano, offerte, paramenti sacri, atti al  sollievo dei più anziani e malati, i quali potevano alternare il cammino alla groppa degli animali.

Il Seprio vedeva toccare molti paesi prima di giungere, all’ ora di pranzo, a Varese. Dopo il pasto e il riposo, il cammino riprese permettendo ai fedeli l’ arrivo a Sant’ Ambrogio alle 16. All’ “Arco del Rosario” iniziò la Processione verso le cappellette.  Si allestirono  gli stendardi, gli stemmi, le Confraternite ebbero a indossare i paramenti.

Lo stradone non era ancora stato selciato, i lavori incalzavano, i pellegrini in fila inneggiavano lodi con canti e inni. Il viale vedeva le cappelle in costruzione e l’ imponente statua del Mosè non aveva ancora visto la luce. Don Aguggiari, reggente del Santuario li accolse all’ ultima tappa.

Le funzioni religiose furono in onore alla Vergine. I pellegrini trovarono ristoro ed ospitalità . Il grano trasportato dalle bestie venne scaricato nell’ atrio della chiesa. Un immenso monte dorato che arrivava fino alle lampade. Il chiarore delle fiamme, si mescolava al colore dorato del grano, accendendo l’ edificio di luce dorata.

Strega Fata Degli Incanti- B.C. 

L’ Immagine è stata presa dal web senza che ne fosse indicata la fonte, se qualcuno ne rivendica i diritti mi avvisi, sarà prontamente rimossa.

Fonti: Somma Lombardo – Somma Lombardo da borgo antico a città moderna di A. Rossi. Dati storici e spunti tratti dai siti Web: www.sacromonte.it -Wikipedia -Sacro Monte di Varese

Read More

Home-Presentazione

Benvenute dolci Sorelle
benvenuti Fratelli,
siete giunti a Me,
Io a Voi.
Le nostre strade siano liete,
dolci come il miele le nostre parole e i nostri abbracci.
Con l’ ambrosia si possa
brindare assieme gli Dei,
ai nostri Fratelli e Sorelle
che già sono presenti
nella nostra esistenza.
Possa perpetuarsi la nostra Fratellanza
come una numerosa famiglia,
gioia della Dea
onore del Dio,
che vedono uniti i Figli suoi.
Salga a Loro la nostra Lode
inno e danza ,
che come un nettare
li allieta
e nutre le Energie
per rinnovarne la Potenza…

Strega Fata degli Incanti – Cesarina )O(

Molti di voi già mi conoscono… sono fata degli incanti e ho deciso di aprire questo insieme di raccolte dei miei incanti e segreti con lo scopo di condividerli con tutti voi e aver modo di imparare sempre di più sulle antiche tradizioni locali e magiche a scopo di conoscenza.Ricordo a tutti che pur essendo disponibile a comunicare con voi non ho uno studio e sono AUTODIDATTA tutto ciò che riporto è frutto di esperienza e conoscenza sui libri e contatti con persone del settore.

Se avete bisogno di
comunicare con me telefonate al numero voda 3420356996
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato a discrezione dell’autore e comunque non sistematicamente. Non può quindi essere considerato un prodotto editoriale, ai sensi della legge 62 del 7/3/2001.
TUTTE LE INFORMAZIONI CONTENUTE NELLA PAGINA SONO LEGATE AD ANTICHE TRADIZIONI E NON HANNO SCOPO DI INDURRE NESSUNO A CREDERE CHE TUTTI I PROBLEMI SI RISOLVANO MIRACOLOSAMENTE CON LA MAGIA .LO SCOPO è QUELLO DI SEGUIRE UN CAMMINO DI CONOSCENZA E SPIRITUALITà. OGNUNO è RESPONSABILE DELLE PROPRIE SCELTE … NON RICORRETE ALLA MAGIA PER SOLI SCOPI MATERIALI.
LA MAGIA è CONOSCENZA E RELIGIONE NON è LA PANACEA A TUTTI I NOSTRI PROBLEMI..
NON GARANTISCO L’ EFFICACIA di RITUALI CHE CONSIGLIO DI USARE SOLO SE ESPERTI NEL SETTORE CON SCOPO DI PROPIZIARE, SENZA PROMETTERNE LA RIUSCITA.
ALCUNE IMMAGINI SONO STATE REPERITE SULLA RETE PUBBLICA, SENZA DIDASCALIA CHE NE INDICASSE LA PROPRIETA’,PER OGNI EVENTUALE RICHIESTA DI RIMOZIONE POTETE CHIAMARE TELEFONICAMENTE O TRAMITE MESSAGGIO .
GRAZIE.

Read More