Crea sito

La Guazza di S. Giovanni

La guazza è la rugiada magica raccolta alla mattina di S. Giovanni, dai poteri taumaturgici.
Le donne, per aumentare la loro fertilità si rotolavano nude nell’ erba bagnata.
Bagnarsi con la rugiada mantiene la giovinezza e aiuta la vista.
Si usa anche raccogliere la guazza e conservarla a titolo protettivo.
Alcuni creano un’ acqua potente contro malocchi e malattie.
Si colgono foglie e fiori di lavanda, iperico, mentuccia, ruta e rosmarino da porre in un catino colmo d’acqua da tenere esposto tutta la nottata alla rugiada.
Il mattino successivo le donne possono lavarsi con essa per aumentare la bellezza.

I contadini avevano varie tradizioni atte a proteggere e aumentare il raccolto, tra le quali l’ uso di raccogliere 24 spighe per trarne un amuleto contro la malasorte o il gettare nel fiume carbone e spighe di grano andato male allo scopo di allontanare dai campi insetti nocivi e erbacce dai campi. In questo giorno si prepara anche il nocino, tipico liquore ottenuto dalle noci acerbe, e gli oleoliti ,specie quello all’ iperico.

 La mia nonna usava mettere sul davanzale, la sera della vigilia del 24 giugno,una bottiglia (ma si può usare anche un bicchiere o un vaso pieno d’acqua) in cui aveva posto l’albume di un uovo di una gallina bianca 

( ma mia nonna non si fermava troppo su questi particolari). Alla mattina successiva, appena levato il sole, lo prendeva e dalle forme ottenute ne traeva auspicio. Una tradizione che possiamo ripetere anche noi. Anche se le notizie raccolte indicano l’ uso di di acqua di 7 fonti basterà usare acqua di fonte pura. Il rituale contadino vero e proprio si avvale di parole magiche, e in molti casi l’ acqua da usare è benedetta.

Una vecchia pratica divinatoria è quella, ancora diffusa del piombo fuso, ma ce ne sono diverse. Un modo di ricevere risposte viene dato dalla chiave di s: Pietro e Paolo. I santi, festeggiati il 29 giugno,si collegano a una specie di “iniziazione” che percorre le tappe dal 24 giugno fino al 29 giugno.

Una sorta di pratica di radiestesia effettuata con la fede e un bicchiere d’ acqua che apre le porte anche all’ uso di una chiave proprio a scopo divinatorio:

Mani rugose,
mani stanche ,
fanno girare il rosso cordino,
una antica chiave ,
solo la serratura di un antico cassettone
può violare 

Esso contiene antichi segreti ,
parole ripetute
che corrono da madre a figlia ,
come un fiume,
ripercorrono le valli,
le pianure,
i campi.
Giunge la frase che molto può svelare,
la chiave si mette così a girare.
La formula e la domanda,
in dialetto oramai in disuso si viene a mormorare,
gira la chiave gira e il segreto va a svelare.

(Strega Fata Degli Incanti).chiave

Con questo metodo, che si avvale dell’ uso di una chiave e di formule, si ottengono risposte.

Se invece si vuole protezione, basta raccogliere sacchettini di sabbia sulla riva del mare. Posti all’ uscio saranno un buon scudo protettivo per l’ abitazione.

Strega Fata Degli Incanti©

Read More

Racconto di una Strega condannata al rogo

Racconto di una Strega condannata al rogo

margaritaFaceva freddo… rannicchiata ad un angolo della cella Cecilia guardava tra le sbarre della piccola finestra. Se abbassava gli occhi davanti a lei c’ erano le compagne. Stremate e infreddolite erano prese da una specie di sonno; Cecilia no! non poteva dormire; la aspettava il rogo: eresia e stregoneria l’ accusa!
Una lacrima le solcava il volto. L’ immagine di lei bambina che giocava a piedi nudi tra i campi di grano le balzò nella mente… la voce di sua madre; sua madre… certo non pensava che insegnandole il segreto di tisane e poche parole tramandate avrebbe segnato il destino sua figlia. Era una gran donna Margarita, vedova presto non si era più maritata, aveva 3 figli maschi e Cecilia,la figlia prediletta, che sarebbe stata bella e fiera come lei… bella… una bellezza che avrebbe rimarcato ancora di più le sue colpe. E  poi Cecilia era libera, non aveva nè marito ,nè figli… cosa anomala ai tempi: una donna libera di pensare, padrona delle sue decisioni… grave colpa così come era grave curare e adottare un gatto nero. Una sorta di nodo le partiva dallo stomaco per arrivargli fino in gola: a così caro prezzo pagava la sua libertà? avrebbe urlato… ma a chi? alle compagne stremate dalle torture? già aveva visto nei loro occhi il terrore: con la gola arsa e ormai chiusa, con un filo di voce intonò una melodia, la stessa che a ogni Luna Piena dedicava alla Dea..
Pensava… domani davanti alla chiesa mi bruciano, mi bruciano per distruggere il mio peccato; davanti alla chiesa, ironia della sorte. Davanti a un tempio che predica l’ amore mi martirizzano… Sciolse i capelli, li pettinò con cura cantando alla Dea. Con cura cercò di sistemarsi. Anche davanti alla morte con dignità, bella e fiera, una lacrima scende. Si inumidisce le dita e sistema quel ricciolo ribelle e danza… danza alla luna per l’ ultima volta..

Strega Fata degli Incanti B.C.©

Read More

Incanti sulla Ruota del Tempo – Giugno

fontanella 1

Incanti sulla Ruota del Tempo 

1°Giugno:  All’ alba buttate dietro alla vostra spalla destra del cotone, vi porterà fortuna.

2 Giugno: I gerani rafforzano  l’ intuizione nel percepire chi si avvicina alla nostra dimora, inoltre se posti in una luogo assieme al  Plectranthus  – pianta dell’incenso, aiutano a tenere lontano le zanzare e altri fastidiosi insetti.gerani

3 Giugno: Fate un portachiavi con una noce o una ghianda. Se usate la noce apritela e mettete
al suo interno dei testimoni: riso, alloro e zucchero.

4 Giugno: Cospargere una candela bianca con oleolito al basilico aiuterà a combattere le
negatività.

5 Giugno : Luna Nuova alle 5.0o circa in Gemelli.

6 Giugno:Potete purificare la casa con salvia e una candela
“luminosa” La candela “luminosa è una candela generalmente bianca che si carica
visualizzandola di luce. La forza cosmica la carica di energia al punto tale che, con la
vostra mente, la sentirete risplendere.

7  Giugno: Miscela per l’ astrale .

porre in un sacchettino viola da tenere accanto
artemisia, cannella e sandalo.

8 Giugno: Un sacchettino bianco o violetto con viole e vetiver attireranno la fortuna.

9 Giugno: Se avete perduto qualcosa cercatela con alcune mandorle in tasca e un fazzoletto a cui avrete su fatto su 3 angoli un nodo.

10 Giugno: Noce moscata, timo,anice stellato messi su una candela verde di giovedì
aiuteranno negli affari.

11 Giugno: Fate un ciondolo con un seme di anice stellato e alloro per attirare la
buona sorte e la vittoria.

12 Giugno: Primo Quarto-Unguento per la divinazione. Sciogliere un pò di cera assieme a olio di mandorle dolci in proporzione di 3 parti di
cera e 1 parte di olio. Aggiungere olio di camomilla, cedro e un pizzico di mirra e incenso. (Usarne un tocco sul terzo occhio, appena accennato, se non si è intolleranti alle erbe).

13 Giugno: Miscela magica per il bagno d’ amore.
Unire parti uguali di vaniglia, scorza di arancia, gelsomino
e rosa. Chiuderla in un sacchettino argento o bianco con fiocco argento.

14 Giugno: Lavare casa con acqua a cui si sarà aggiunto limoni biologici o acqua di infuso di lavanda(attenzione ai materiali che non si rovinino)

15 Giugno: Aggiungere infuso di lavanda all’ ultimo risciacquo della lavatrice. Purifica i vestiti. (attenzione al tipo di stoffa).

16 Giugno: In una mano tenete del riso e visualizzate un desiderio. Esprimete la vostra
richiesta alla Dea/agli Dei, e gettate il riso in un corso d’ acqua. Avrete la
benedizione dagli Dei.

17 Giugno: Una candela azzurra profumata alla lavanda concilierà il sonno, ma spegnetela
prima di addormentarvi. Usare cautela.

18 Giugno: Osservare un immagine buffa alla luce di una candela arancione o gialla porterà
buonumore.

19 Giugno: La candela blu è dedicata a Giove e si utilizza negli incantesimi relativi al
cambiamento e alla ricchezza. Elemento acqua, giorno giovedì.

20 Giugno: Luna Piena in Capricorno a 0,05° circa- Vuoto di Luna. Solstizio d’estate 20 Giugno 2016 22:34
21 Giugno: Incanto delle 7 fonti e chiara d’ uovo

22 Giugno: Raccolta dell’ Acqua lustrale. Lavarsi il viso con l’ acqua esposta alla Luna e profumata dai petali di 9 fiori magici.

23  Giugno: Raccogliete all’ alba alcuni sacchettini di sabbia. In uno di essi ponete un quadrifoglio essiccato e una pietra d’ ambra. Sarà un potente portafortuna e quadrifogliofungerà da protezione per il successo.

24 Giugno: Giornata per la divinazione. Potete usare i metodi ” naturali” : geomanzia, osservare le nuvole, il vento, l’ acqua ecc…. per trarne oracoli

25 Giugno: Le piume di pappagallopappagallo rappresentano, per alcune popolazioni, del Nord America, l’ arcobaleno. Simboleggiano la comunicazione e la comprensione .

26 Giugno: Se camminando in riva a un fiume trovate un sassolino bianco potete scriverci il
nome di chi amate. Posto sotto il cuscino ve lo farà sognare.

27 Giugno:  Ultimo Quarto – Per cacciare la tristezza bagnate un fazzolettino bianco con le vostre lacrime, poi
arrotolatelo e piegatelo come un fagottino annodato con un fiocco arancione. Seppellitelo vicino ai fiori.

28 Giugno: Il simbolo dell’ Otto coricato rappresenta la continuità e l’ equilibrio.

29 Giugno: 3 spighe di piantaggine legate insieme con un nastrino rosso e un calcedonio
proteggeranno i vostri viaggi.

30 Giugno: Incenso per i nativi del Segno del Cancro: gardenia, loto e giglio. (aerare sempre e verificare eventuali intolleranze alle erbe.

 

Read More

Incanti sulla Ruota Del Tempo

rosagialla2

Incanti sulla Ruota Del Tempo.

Ogni giorno un pizzico di magia.

1° maggio: Indossate al collo un piccolo sacchetto color oro con dentro 3 foglie di ulivo per avere la fortuna dalla vostra parte.

2 maggio: presto avremo i frutti del nostro orticello, un pomodoro raccolto o comprato (che sia bio) e posto su un ripiano è un dono per il mondo astrale. Dopo 5 giorni andrà sotterrato.

3 maggio: Se passeggiando troviamo un sassolino bianco e liscio raccogliamolo ed usiamolo, al bisogno, per questo piccolo incanto.

Scriviamo il nome di colui che amiamo e poniamo il sassolino sotto il cuscino, la persona amata o agognata ci sognerà o sentirà la nostra presenza in sogno.

4 maggio: Sacchettino di Saturno anti – jella: un sabato mettete in un sacchettino rosso, piombo, aglio, 3 grani di sale e basilico.

5 maggio: Lo Spadone è una pianta magica utile a molti scopi in magia, il suo bulbo per la bellezza, i petali blu per la ricchezza, se tenuti tra i soldi.

6 maggio: Luna Nuova, lode e onore alla Dea. 

7 maggio: Per le nuove occasioni: Durante la luna nuova, caricate una candela bianca con olio di oliva, una argento e una oro (tea light) e miscelate semi di papavero, verbena, origano,cannella,poi aggiungete un pò della cera delle candele oro e argento. Caricate il tutto imponendo le mani e visualizzando una porta che sia aperta …. dietro la porta ci sono tutti i desideri e progetti che si realizzano.. Poi mettetela in un sacchettino blu e usatela ogni volta avrete necessità mettendola davanti a voi , in borsa ecc…

8 maggio: Oggi festa delle Dee, onoriamo tutte le Dee con altari di fiori, canti e candele…

9 maggio: Festa di Artemide che secondo i greci era figlia di Zeus e Leto o Latona e sorella gemella di Apollo. In epoca romana venne identificata con Diana, mentre gli Etruschi la chiamavano Artume. Tra i molti simboli sacri vi sono l’ albero del cipresso e, come animale, il cervo.

10 maggio: Il porpora è un colore, per le candele, da usarsi se esperti, per incrementare i guadagni.

11 maggio: E’ importante imparare a fare gli incensi da noi grazie all’ aiuto di un mortaio e delle erbe.

Sono pochi i comuni bastoncini in vendita che vanno bene per la magia. Sono tenuti insieme da colle che non sempre sono salutistiche. In magia vige la regola del semplice e naturale!

12 maggio: Rituale per la prosperità : prendere una candela in cera d’ api, tipo tea light o comunque in un bicchierino,  e vestirla con olio alla cannella, porvi davanti una moneta in rame, 7 chicchi di riso e un pò di timo, e a cera calda immergervi la moneta. Quando si è raffreddata mettere il tutto in un sacchettino verde.

13 maggio: Primo Quarto preparate la vostra tisana preferita, o il caffè o ciò che più vi mette a vostro agio, secondo la stagione, e dedicatevi ai vostri progetti alla luce di una candela blu.

Fissateli su un pezzo di carta, anzi tenete un quaderno per questo progetto, e segnateci tutto : i vostri desideri, come sarà la vostra vita, ecc… poi segnate tutti i successi.

 

14 maggio: Anche le streghe hanno debolezze e la voglia ogni tanto, di usare incanti non proprio etici, tipo manipolare un evento o una persona. sarà buona cosa accendere incenso di olibano e lavanda (non i soliti bastoncini ma incenso vero) e una candela bianca. Meditare con un ametista tenuto in mano a pochi centimetri dal 3° occhio per pochi minuti. Ovviamente nel Cammino si presentano e si superano questi momenti con la forza che la Strega ha in Sè forgiati, frutto della saggezza forgiata dalla sua stessa etica.

15 maggio: prendete 3 nastri uno rosso , per l’ amore, uno dorato per il successo, uno bianco per la protezione e passateli sopra il fumo di un’ incenso a base di olibano e cannella, poi intrecciateli e ripassateli solamente nella cannella, poi nella polvere di petali di rosa, poi nel basilico sbriciolato.

Fatevelo legare al polso destro da qualcuno che vi vuole molto bene o alla caviglia destra.

16 maggio: il pentagramma di invocazione si traccia partendo dalla punta (spirito), si scende fino alla ipotetica punta in basso a sinistra (elemento terra), si sale fino a formare la punta in alto a destra (elemento acqua), poi a sinistra fino a una ipotetica punta in alto a sinistra (elemento aria), poi una punta in basso a destra (elemento fuoco) e si ritorna alto poi si sigilla scendendo ancora una volta fino in basso. Serve a richiamare energia e evocare.

17 maggio: il pentagramma di bando si traccia partendo dal basso a sinistra (terra), si sale fino alla punta in alto(spirito), si scende a destra fino all’ elemento fuoco posto in basso a sinistra, e si risale fino all”aria che è in alto a sinistra, poi fino alla punta in alto a destra (acqua) e alla terra (in basso a sinistra) per sigillare la chiusura si torna in alto allo spirito. Serve per congedare le energie e bandire.

18 maggio: Festa Di Aradia purificate e gli strumenti e gli ingredienti che usate nei rituali. Potete utilizzare acqua con sale e lavanda per purificare voi stessi e poi acqua e lavanda o artemisia per gli strumenti. Ogni erba o liquido va infusa di potere.

19 Maggio: Miscelate cacao in polvere, cannella in polvere e zucchero a velo in parti uguali. Visualizzate su di esso i progetti più belli, i desideri e i sogni. Usate questa pozione magica – per addolcire il caffè o il latte prima di addormentarvi o in compagnia dell’ amato/a.

20 maggio: Gea o Gaia, rappresenta la Madre Terra, lodiamo la Dea con offerte alla natura e candele verdi.

21 maggio: Luna Piena, Esbat Bacchetta triplice: : legate insieme un rametto di nocciolo che rappresenta conoscenza e saggezza a uno di ulivo che è la calma e il potere e uno di quercia forza e solidità con un nastro rosso e oro, partendo dal basso e salendo a spirale, so potrà arricchire di pietre fissate con filo di rame (quarzi e ametiste):  sarà una bacchetta per riflettere meditare e diventare più potenti.

22 maggio: Il giorno del compleanno è un giorno dove o rituali non si realizzano o partono in quarta… per aumentare la vostra energia accendete , a partire dal giorno del compleanno, per una settimana ,una candela ogni giorno diversa: rosso, arancione, giallo, verde, blu, indaco e violetto.

23 maggio: Durante un incontro tra amici o parenti bruciate un incenso di menta e anice stellato e accendete candele arancioni e rosa e bianche vestite con olio di menta.

24 maggio: E’ d’ uso accendere una candela bianca al centro tavola per una serata romantica.. accenderne una verde aiuta la famiglia a essere più serena e ad attirare il benessere.

25 maggio: Bagno di purificazione e incenso in casa dopo l’ eclissi.

26 maggio: Un amuleto in oro o argento per la prosperità si ottiene con un ciondolo a forma di carta da gioco portato al collo e caricato per 7 giorni alla luce di una candela verde o oro, iniziando di domenica in luna crescente e incenso alla cannella o vetiver o menta.

Ungerlo tutti i giorni con 3 gocce di olio essenziale a base di caprifoglio, menta e timo.

Scegliere una carta dal significato benevolo.

27 maggio: Secondo le culture di alcuni popoli del Sud – America , le piume della colomba sono ricollegabili ai rituali di pace. Quelle dell’ anatra a rituali legati ai passaggi dell’ età, ad esempio alle iniziazioni di un giovane che arriva alla maggiore età.

28 maggio: Un amuleto a forma di fulmine aumenterà la forza e il potere durante i rituali.

29 maggio: Ultimo Quarto L’ ottone è un metallo che allontana gli spiriti maligni dalla casa e protegge dalle streghe.

30 maggio: il numero 8 in orizzontale è simbolo del ciclo costante,dell’ eternità e dei 2 astri principali: sole e luna.

31 maggio: Un buon incenso per i nativi dei gemelli è formato da lavanda, menta e olibano.

)O(

 

Read More

Festa Della Mamma

IMG0162AQuesta ricorrenza civile è diffusa in tutto il mondo a date diverse. In Italia si usa festeggiare la seconda domenica di Maggio in sintonia con la tradizione statunitense. Inizialmente era da noi festeggiata l’ 8 maggio. L’ origine della festa si lega a motivi e situazioni diverse, non tutte correlate l’ una all’ altra se non per un motivo: avere un pensiero di riconoscenza e d’ amore per la figura della Madre.
La Giornata nazionale della Madre e del Fanciullo vide la sua prima celebrazione in italia il 24 dicembre 1933 quando il fascismo aveva nel proprio inquadramento politico la famiglia vista come numerosa e di sostegno alla patria.
In seguito si sono succedute varie iniziative a sfondo politico, commerciale e culturale che si riallacciavano alla figura materna.
In america un primo accenno alla Festa della Mamma è avvenuto nel 1870 quando Julia Ward Howe fece la proposta di istituire il “Mother’s Day for Peace”. L’ intento era di portare attenzione contro la guerra. Non ebbe, però, il successo sperato. In seguito Anna Jarvis, celebrò il “Mother’s Day” in onore di sua madre, anche lei pacifista. L’iniziativa ebbe questa volta riscontro e trovò l’ appoggio del Presidente Woodrow Wilson che avuto il benestare dal Congresso ne permise l’ istituzione ufficiale alla seconda domenica di maggio.
La Festa della Mamma è un dolce segno d’ amore che ogni giorno dovrebbe essere rinnovato. Non dimentichiamoci però la mamma per eccellenza è La Dea Madre che nella Terra trova la sua proiezione materiale. Essa è presente in ogni elemento naturale che ci nutre e che di Noi si prende cura. Alziamo i calici a Colei che è vita e che in ogni mamma terrena si specchia in saggezza e amore.

Alzo il calice a Te oh Dea
che ti manifesti in vita e natura
Madre di Spirito
che doni Conoscenza
e che così lo Spirito nutri.

Alzo il calice a Te oh Dea
che nella carne ti manifesti
attraverso Colei che alla vita mi ha plasmato.

Lode e onore a Voi Madri di vita e di anima
che tutto donate e tutto siete
nella perfezione dell’ Universo.

Strega Fata degli Incanti -B.C.©

Read More

La Magia di Valbörg

IMG0072AValbörg è la notte magica. Ci sono  incantesimi e divinazioni che riescono in maniera eccellente in questo periodo. Purtroppo Mercurio è retrogrado quest’ anno in concomitanza con Beltane. Ma ciò non impedisce che si possa comunque entrare in sintonia con le energie del periodo.

Cosa facevano le antiche Streghe quando sentivano l’ energie che “sfuggivano”.. Per una sorta di intuito, un filo che lega le energia della Strega all’ Universo, Esse percepivano il momento ideale in cui il cosmo appoggiava i loro incanti.

Nella notte di Valbörg le anziane Donne si mettevano a osservare il cielo.. Si diceva che Streghe e folletti si mostrassero all’ occhio attento, quando il crepuscolo dipingeva di viola il cielo e le nuvole celassero la Luna che si affacciava alla notte..

Allora recitavano una filastrocca.. un’ antico balbettare che il tempo aveva portato con sè.. frasi che il tramandare aveva modificato , personalizzato, si erano fuse tra i dialetti e intrise di potere.

Dea che dal mare veniste

Vi chiamo col cuore di Figlia

Con il vostro Sapere

rivelatemi il mistero

se ciò che chiedo è vero

fatemi sentire un campanellino tintinnare

dolce canto di fanciulla

una nuvola che fa posto alla luna.

Se non deve l ‘ amore tornare,

se lontano è il mio desiderare

sia triste il suono

e visione di cattivo fare.

Erano specialmente coloro che risiedevano in luoghi di mare a intrattenere questa pratica, gli orari erano la mezzanotte e il mezzogiorno. Le donne dicevano l’ orazione che aveva pure una variante con preghiere cristiane e dalle onde del mare si ottenevano visioni che erano risposte.. in tempo di guerra molte madri e spose chiedevano così notizie dei loro cari al fronte di cui non avevano notizie. Perciò uscire la notte era complicato e si preferiva il mezzodì o il crepuscolo..

In luoghi dove il mare era assente erano le acque dei laghi o dei fiumi a essere prediletti oppure ci si abbandonava ai rumori che seguivano l’ enunciazione o ancora ai sogni.. i presagi venivano seguiti e se ne aveva risposte.

Strega Fata Degli Incanti – B.C.©

 

Read More

Valbörg – Beltane

valpurgaLa  Notte di Valbörg  è una tra le  feste di celebrazione della primavera nelle  zone centrali e settentrionali d’Europa. Secondo la leggenda le streghe si radunavano  sul monte  Brocken per salutare la bella stagione. In tutta la Svezia c’ era la tradizione di accendere i falò con lo scopo  di cacciare i demoni. Usanza che oggi rivive  tramite fuochi che bruciano  le potature e gli scarti dei giardini.

In questa ricorrenza di origine vichinga,si commemora S. Valpurga che si designava quale  protettrice  dalle streghe. Poichè le feste celtiche legate alla Dea della fertilità vennero scambiate (come al solito) per feste demoniache, anche quella del primo maggio fu vietata con la cristianizzazione. Il 1° maggio 871 il corpo di S. Valpurga,badessa del monastero di Heidenheim, fu trasportato presso Eichstätt  nella chiesa di S. Croce. Secondo un antico racconto, dalle pietre della sua  tomba , sgor­gava un miracoloso olio di molteplici virtù tra cui quella di fungere da difesa dalle streghe. Per gli antichi Celti era invece il passaggio alla bella stagione.. con feste e libagioni si attendeva l’ alba simbolo della vittoria della luce sulle tenebre. Questa notte era presieduta dalla Dea della fecondità, la grande Dea che governava sulla vita e sulla morte.  ”I Fuochi di Bel”, Dio della Luce, illuminavano, dalle colline, le valli a simbolo di trionfo della luce stessa e due di questi fuochi (sempre la coppia , il Dio e la Dea) venivano preparati con nove legni sacri ai celti (il numero del cosmo), da nove uomini,che li procuravano andando nei boschi. 

A simboleggiare l’ unione sacra del Dio con la Dea  molte coppie fanno l’ amore poichè questo giorno è dedicato alla fertilità ma anche alla passione. Il matrimonio che unisce cielo e terra rivive nell’ immagine degli Dei che si uniscono. I  falò rituali venivano accesi a coppie a simboleggiare la fusione amorosa e feconda, il perpetrarsi della specie, il maschile e il femminile.  La rugiada è simbolo di questa unione, dal cielo essa rende umida e feconda la terra,e in questa giornata sembra avere grandi poteri. Le donne che usano bagnarsi di essa avranno il dono della gioventù e bellezza. Ancora meglio se si tratta di rugiada  avuta accarezzando un biancospino. Questa pianta simbolo di Beltane è abitata dalle fate. Le usanze sono diverse in ogni paese ma una cosa accomuna tutti gli usi: il potere  dei falò tra i quali venivano fatte attraversare le bestie e le persone  con lo scopo di purificarle e il potere fecondante delle ceneri dei fuochi stessi .  I legni sacri di Betulla, Quercia,Salice, Biancospino, Nocciolo, Melo, Vite, Abete o Pino,Sorbo Selvatico erano atti a ottenere la cenere per fecondare i campi o da conservare , da parte delle donne, per procreare.
Vi è ancora l’ abitudine di creare un albero su cui si legano nastri colorati attorno al quale danzare e che rappresenta l’ albero cosmico della vita. Su un biancospino o un altra pianta, se non abbiamo il biancospino a disposizione,  si possono porre strisce colorate in sintonia col nostro desiderio: ad esempio rosa per l’ amore romantico o verde per la prosperità ecc.. visualizziamo i farries che vivono nell’ albero e concentriamoci con la loro energia ..quando ci sentiamo “carichi” addobbiamo l’ albero dei nostri nastri melodiando il nostro desiderio. Allontaniamoci con rispetto lasciando un omaggio di riconoscenza ai piedi dell’ albero!
Il verde sarà il colore di base per questo magico giorno , e ci si potrà vestire coi splendidi colori dei fiori. Anche la tavola e l’ altare seguiranno questa linea. Particolarmente bello sarà il ricamare in questo periodo : l’ ago e il filo che penetrano la stoffa rappresentano l’ atto sessuale nei simboli maschile (ago) e femminile (trama della stoffa). Una creazione che da vita a qualcosa di nuovo e di bello: il ricamo che “nasce” come un simbolo e rimane opera perpetua.

Ci si potrà adornare di pietre quali Malachite, granato, quarzo rosa, smeraldo..

Il bagno sarà ricco di petali di rose, mentre l’ incenso sarà l’ unione di olibano, gelsomino, ylang ylang, pesca e vaniglia. Simboli per l’ altare:corna del Dio dei boschi e palo di maggio mentre per la Dea l’ ape e la mucca. Tutti segni  legati alla fecondità..anche Vishnu,il Dio indù spesso è rappresentato come un ‘ ape blu posata sul fior di loto (la Dea). L’ ape feconda i fiori…ma esse producono il miele sostanza che dona salute  e longevità ed legata per tradizione alle fate le quali lo apprezzano molto. Le candele di Beltane saranno rosa , rosse e verdi, e gli Dei da adorare quelli della fertilità compresi  Pan, Eros, Artemide, Diana, Afrodite, Bacco..Nottata ottima per la divinazione e gli incanti d’ amore e prosperità. Nell’Antica Roma era giornata sacra a Flora, protettrice delle piante in fiore che si festeggiava con canti, balli e abiti variopinti a indicare la primavera e la bellezza dei fiori mentre la notte del Primo Maggio era sacra a Bona Dea,la Dea dei campi,festa i cui misteri erano permessi solo alle donne. Il giorno successivo era dedicato alla  sposa di Vulcano, Maia, da cui il nome maggio.

Strega Fata Degli Incanti – B.C.

Fonti di comparazione :Wikipedia- Calendario di Alfredo Cattabiani -Mondadori

 

 

Read More

Pesce d’Aprile

pesceLa ricorrenza del Pesce d’Aprile ha origini incerte poichè non si conosce esattamente nè quando nè perchè ebbe inizio questa usanza che  è diffusa in varie parti del mondo. Ci sono varie teorie che possono essere alla base di versioni diverse ma questa tradizione rimane da sempre avvolta in un alone di mistero.
Una delle tante leggende la fa risalire al 40 a.c. a opera di Cleopatra, la quale sfidò Marco Antonio a una gara di pesca. Antonio tentò di vincere facendo attaccare al suo servo un grosso pesce. Cleopatra non si fece ingannare e sostituì la preda con un simulacro in pelle di coccodrillo.
Bisogna però considerare, a essere più teorici e realisti, che anticamente alcune culture indicavano in questo periodo, legato all’equinozio di primavera, il capodanno. Si usava allora scherzare, ridere e festeggiare tanto che in Francia venne a crearsi l’ usanza del regalo al primo d’aprile consistente in un pacco vuoto. Sempre in Francia  questa simpatica usanza viene ad accompagnare l’uscita del sole dai Pesci per entrare in Ariete. In Italia gli scherzi del primo d’aprile  si diffusero  partendo da Genova, città di scambi commerciali importanti,grazie al famoso porto, negli anni tra il 1860 e il 1880. Dapprima furono i ceti superiori che si dedicarono a  questa tradizione poi essa contagiò anche i ceti medio-bassi. Incerta quindi l’origine ma divertente e diffusa… in Scozia si attacca il cartello sulla schiena dei conoscenti.

Strega Fata degli Incanti- B.C.

Read More

Lunedì di Pasquetta e la Magia della Campagna

gitaIl Lunedì dell’ Angelo è una giornata aggiunta alla Pasqua per prolungare le feste ad Essa collegate. Ricorda l’ annuncio dell’ Angelo della Resurrezione di Gesù, alle donne, presso il  sepolcro. Le donne furono invitate dall’ angelo ad annunciare la notizia. Forse da qui l’ abitudine di accostare questa giornata alle gite e ai viaggi. Una interpretazione diversa di questa tradizione si potrebbe ritrovare in una sorta di commemorazione del viaggio dei discepoli verso Emmaus durante il quale Gesù apparve loro.

La festività è stata introdotta dallo Stato Italiano ma ,per l’ Italia non è di precetto religioso (ovvero la partecipazione alla Messa è facoltativa).

 

La Festa

Il Lunedì di Pasquetta è stato introdotto, in maniera ufficiale, solo nel 1949 dallo Stato Italiano. Le tradizioni si ricollegano però, a tutte quelle del periodo pasquale e ai fuochi dell’ Equinozio. In alcuni paesi la festa viene celebrata con cerimonie, processioni ecc..il martedì invece del Lunedì.

Antiche Tradizioni Contadine

Nella mia famiglia si usavano preparare , prima di Pasqua,in concomitanza con Ostara, dei piccoli cestini con i semi dei prodotti dell’ orto, grano, ceci, fagiolini,ecc.. poi si granolasciava il cestino in una stanza con la luce appena sufficiente perchè potessero germogliare. Solo al Lunedì dopo  Pasqua venivano tirati fuori, esposti appieno alla luce del giorno.

Il significato simbolico era il rifiorire della natura. Il seme era al freddo e al buio e con il periodo primaverile ritrova le energie e abbraccia il Sole della rinascita. Queste piantine erano come una guida che segnava la fertilità, la fecondità della terra per un buon raccolto.

Questa usanza sembra riallacciarsi al mito del Sole che muore in Inverno, si riposa, per lasciare il proprio posto alle forze del buio. Un buio tuttavia ristoratore, in cui l’ Antica Dea si corica nel ventre della Terra per rigenerasi feconda e permettere  il ritorno della bella stagione, il Dio Sole.

adone

Era uso, per alcune famiglie, anche lasciare un pò di pane sulla tavola perchè l’ angelo benedisse la casa. Da noi si usava una preghiera per i cari della famiglia e per un buon raccolto. Il pane era Sacro, non andava mai sprecato, neppure una briciola, perciò se si voleva “offrire” lo si dava , caso mai, a una persona bisognosa. (Quando ce ne era, visti i tempi duri…).

Questa tradizione dei cestini, per l’ altro uso diffusa un pò ovunque,ricorda il mito di Adone. La divinità Greca  (che in altri culti possiamo ritrovare con nomi diversi ma che riportano alla stessa essenza), era simbolo della  natura che nasce, florida e ricca di fiori e , feconda di vita, che veniva  addormentata dal freddo invernale impersonificato dal cinghiale. Per festeggiare il risveglio della stagione calda si celebravano, in suo onore, le  Adonie,tra aprile e maggio. Per accogliere il suo ritorno  alcune donne  portavano al tempio composizioni simili a giardinetti in vaso alla cui coltivazione si erano dedicate durante l’ inverno.

Il tempo ha cambiato alcuni usi, li ha adattati ai culti e alle culture, ma le origini sono antiche, nate dai primi riti e dalle espressioni di fede agli Dei che neppure il corso dei millenni ha cancellato.

Questo periodo era antecedente all’ apertura delle Processioni delle Campagne, il XXV Aprile ma questa è un’ altra tradizione..

Strega Fata Degli Incanti ©

(Alcuni dati storici sono stati ripresi da Wikipedia, la data di Pasquetta istituita nel 1949 fa parte delle mie reminiscenze scolastiche).

Read More

Amuleto dei Fiori delle Fate

Amuleto dei Fiori delle Fate

fata3Amuleto dei fiori delle fate…

dall’ antico Grimonio…

Le fate sono entità stupende che possono portare gioia a chi le ama e rispetta il loro habitat e i piccoli animali del bosco. Ovviamente la loro influenza si estende a tutte le creature, specie le più indifese. Potrebbero arrabbiarsi ferocemente per chi apporta danno alla natura. Ma amano e fanno piccoli doni a chi tratta con amore ciò che loro amano.
L’ incanto dei fiori si avvale dell’ energia astrale dei fiori, delle fatine che lo hanno in custodia e del nostro potere magnetico.
sacc3Le vibrazioni di questo talismano porteranno benevolenza in amicizia e amore, ma attenzione non è un legamento! è un dono di affetto caricato dei nostri sentimenti più belli… si compie il venerdì prima della Luna Piena. Di prima mattina si colgono i fiori prescelti, lavanda per l’ amicizia e rosa per l’ amore. a mani pulite , in modo sacrale , ringraziando la pianta che ci da il suo fiore, si pongono i fiori ben fioriti, su un telo bianco e li si lascia asciugare in un ambiente aerato e in ombra.
Si confeziona, in Luna ormai Calante , un sacchettino in tinta delicata, in armonia col colore del fiore.
Personalizzate il sacchetto col nome o le iniziali della persona a cui farete il regalo.e magnetizzatelo ponendo a nord l’ oggetto e imponendogli sopra le mani con l’ intento di trasmettere il sentimento d’ amore e d’ amicizia.fiorisfera Se volete attirare denaro fatene uno verde con foglie di basilico e chiuso con un laccetto dorato. Un regalo magico e un bel ricordo per ogni festa della Ruota dell’ Anno o per qualsiasi occasione che ci permetterà di esprimere amore e amicizia,, caricato di un aura potente che non ci farà dimenticare..

 

Strega Fata Degli Incanti B.C.©

Read More

L’ Uovo Magico di Ostara

L’ Uovo Magico di Ostara

L’ Uovo Magico di Ostara..

uiva1Il grande camino stava al centro della cucina.. mai spento completamente, neppure d’ estate.. il cuore della casa dove si cucinava, fatto bollire il bucato e magicato aveva sempre un mucchietto di cenere simbolo della ricchezza del casato, sia  Esso  Nobile o di Contadini.

camin3

Tra la cenere la vecchia strega teneva l’ uovo… un uovo ormai svuotato pronto ad “assorbire”l’ energia della cenere e della famiglia.

Nella magia popolare le uova rivestono un importante ruolo  quale  simbolo di fecondità.. Il Sole e  la Luna sono ben rappresentate dal tuorlo e dall’ albume, nella sintesi feconda di maschile e femminile.

dragoL’ uovo stava lì ad aspettare ed a accogliere la forza.. era stato deposto per Ostara da una gallina bianca, svuotato tramite un foro sulla cima e ora attendeva il suo scopo.  Sarebbe stato bene anche nei pressi di una tomba,ma il camino era lì presente ed era una fonte accessibile di potere…

Quando l’ uovo emanava la forza accumulata, (e questo la strega lo sentiva) veniva raccolto per il crearsi dell’amuleto.

Una lunga cordicella aveva a sè intrecciato monetine di rame, pietre smaglianti, sassi di fiume con simboli dipinti…

Intanto olibano, cannella e zafferano erano la magica mistura che serviva quale incenso…

Magiche parole e poi l’ amuleto era pronto per apportare ricchezza e prosperità alla casa.

OV OV DEL ME CAMIN 

PORTA RICCHEZZE E MESS ABUNDANT

CHE MANCA NIENT A LA ME Cà

PORTAM IL NECESSAR AL ME DISNà

Strega Fata Degli Incanti B.C. ©

 

Read More

Holi

holi4 Holi è una festa indiana la cui  celebrazione avviene  in concomitanza con la luna piena di Febbraio – Marzo. E’ la festa dei colori, dei fiori , dell’ amore dove  i rami vecchi vengono bruciati in un falò per lasciare posto ai nuovi germogli e alla primavera. Infatti bruciati questi rami si lasciano raffreddare per poi inondarli di polveri e acque colorate che rappresentano la primavera che arriva. E’ la vittoria degli Dei sulle entità maligne ed è la danza felice e il momento di gioia del  dio Krishna per questo tutti si riversano nelle strade come in un allegro carnevale a danzare rumoreggiando e ballando e coi visi colorati si gettano addosso polveri multicolori,non escluso il profumo e le acque colorate.holi3 E’  un momento dove le rigide etichette delle regole sociali si allentano per lasciare posto ai giochi e si saluta l’ arrivo dei fiori , della fertilità, della bella stagione. Anticamente le donne  celebravano questa festa per chiedere la benevolenza, da parte degli Dei per la propria famiglia,oggi è il trionfo di colori. Si usa anche consumare e scambiarsi dolci specialmente cioccolatini, per i cibi, poichè si usano bevande che contengono ingredienti che in Italia NON sono in uso come che il bhang, composta da  latte, mandorle, foglie di marijuana e spezie,consiglio, per chi si volesse accostare a questi antichi festeggiamenti ,invece, piatti vivaci e colorati a base di gamberi , verdure, frutta . La festa dura , solitamente fino al quinto giorno della luna piena.

BUON HOLI A TUTTI.

Holi nel 2016 cadrà il giorno 24 marzo.

Strega Fata Degli Incanti )O(

Read More