Nov 19, 2015

Posted by in carte magiche | Commenti disabilitati su Consacrazione delle Carte

Consacrazione delle Carte

tarocchiQuando si viene in possesso di un mazzo di carte da usarsi a scopo divinatorio, bisogna pensare che Esso è stato prodotto con carta, inchiostri ed è stato manipolato in modo poco “Sacro” . Ovviamente questo diventa necessario per la produzione. Non tutti trovano necessario purificarli, ma senz’ altro è utile armonizzare la loro energia con la nostra. Creare con Essi sintonia. Non amo i metodi troppo complicati. Certamente un altare con tovaglia bianca e i simboli degli elementi (coppa con acqua magnetizzata a Ovest, Sale a Nord per la Terra, Incenso a Est per l’ Aria,Candela a Sud per il fuoco) è ideale per chi è orientato verso una magia ritualistica.

Passare sopra ogni elemento la carta per consacrarla riponendole al centro dell’ altare stesso e usando frasi propiziatorie. 

Per chi non è pratico o non ama o non può svolgere rituali, abbiamo a disposizione il potere lunare. Questo tipo di consacrazioni si devono effettuare nel periodo che va dalla Luna Crescente fino alla Piena. Per 7 notti si espone alla luce dell’ astro il mazzo di carte, posto a ventaglio. Si conserva in una scatola di esoterismolegno rivestita di panno rosso o in un sacchetto sempre rosso. Meglio se la costruzione o rivestimento del sacchetto o scatola viene effettuata dal proprietario del mazzo stesso.

Alcune tradizioni danno preferenza al passaggio della Luna in segni di Terra o Aria, si eviterà comunque i vuoti di luna per iniziare la serie delle esposizioni lunari.

Il mazzo deve entrare in sintonia con Noi. Meglio usarlo con cura ma spesso , mescolando le carte e tenendolo  vicino al luogo dove maggiormente soggiorniamo. 

Non tutti i tipi di carte sono in sintonia con Noi. Quando si sceglie un mazzo di carte bisogna “sentirlo” di istinto , a Noi affine. Esse sono come consigliere, amiche fidate, e chi di Noi sceglierebbe un amica di percorso con cui non c’ è affinità? scegliamo quindi le carte e facciamoci scegliere da Loro. Come riconoscere un mazzo giusto? semplice.. l’ intuito e l’ istinto ci farà capire, con semplicità, di aver trovato il nostro mazzo…

Col tempo troveremo la nostra chiave di lettura.. ma potrebbe succedere di dover usare, in “emergenza” un mazzo non nostro. Ciò non è consigliabile, ma può capitare. In questo caso può essere utile sparpagliare le carte sul tavolo creando una  sorta di magia del caos, in modo che si stacchi, simbolicamente l’ energia di altri dal mazzo, e poi rimettere in ordine le carte, per cartesimboleggiare l’ ordine naturale che dona nuovo equilibrio.

Sarà utile poi , che il proprietario che ce le ha cedute ripeta il metodo e , eventualmente le purifichi. La cosa migliore è , che, ovviamente, ognuno usi il suo mazzo, ma qualora capitasse la necessità il metodo di cui sopra potrebbe risultare utile.

Vi sono momenti e periodi propizi o meno alla lettura. Ma le carte sono talmente ricche di misteri e Conoscenza che Esse non si soffermano al solo uso divinatorio.

 

Strega Fata Degli Incanti- B.C.©

 

Comments are closed.