Crea sito
Feb 10, 2016

Posted by in Giorno Della Memoria Pagana, Ruota Dell' Anno | Commenti disabilitati su Il Fuoco Sacro

Il Fuoco Sacro

Jean_Raoux_–_Vestal_Virgin

                      (Nell’ Immagine un’ opera del pittore Jean Raoux)

Era una giornata fredda di Febbraio, il Fuoco ardeva come sempre, Eterno e sublime a sancire la sacralità del luogo e delle Vestali.
Sacerdotesse e monache provenienti dalle famiglie patrizie dell’ antica Roma. Belle e pure come la Loro condizione richiedeva. Le Dee sono generose con chi opera in modo corretto.. e queste fanciulle non sarebbero state a vita a servizio di una verginità costretta. Da piccole venivano scelte dalla Dea tramite un sorteggio, e giunte al Tempio avrebbero fatto un Cammino di trent’ anni in cui la purezza si accompagnava al Fuoco Eterno sempre acceso. Una vita di considerazione, privilegi e riconoscimenti speciali. Che si concludeva e lasciava lo spazio per crearsi una famiglia…
Gli Dei non sono sempre gelosi, forse molto vicini agli uomini provano sentimenti simili,ma la gelosia del culto era cosa rara..
Così Dei di ogni tradizione vivevano pacificamente essendo un unica essenza nella fede e nella dedizione dell’ uomo..

Ma quando giunse il monoteismo il cielo annunciò nubi di contrasti e guerre..

E cominciarono persecuzioni e lotte per l’ affermarsi di un Credo…

L’ antica Roma aveva congiunto il culto pagano al governare dello Stato.. l’ Imperatore era ritenuto di origine Divina.. scelto dagli Dei per guidare il popolo..
Non partecipare ai Culti e chiudersi in Sè Stessi era visto come una minaccia per gli Antichi pagani… In fondo ognuno poteva credere in ciò che voleva, pregare chi e come voleva, ma staccarsi completamente dalle usanze del popolo e non partecipare alle pubbliche manifestazioni era sovvertire un ordine sociale… era una minaccia per gli equilibri e il potere dello Stato.. E cominciarono le prime lotte per fermare questa maniera di vivere un culto che minava gli equilibri di un intero popolo..
Intanto il tempo passava.. le Vestali continuavano la Loro opera.. preparavano le manifestazioni, partecipavano alle missioni pubbliche, conferivano con le alte personalità…
E passarono giorni, mesi,stagioni , anni e il Fuoco ardeva Sacro e inviolato come le sue Sacerdotesse che vegliavano sulla città…
Intanto ognuno poteva credere nella Divinità che era incline alla sua anima.. ma se questo era ben accetto dai Pagani che ebbero a chiedere ai Cristiani la sola partecipazione pubblica cittadina, non bene andava ai Cristiani per i quali un solo Dio era possibile adorare..
e fu la grande notte.. si spensero le luci della grande civiltà.. cominciarono le persecuzioni..

e i Cristiani dovettero indietreggiare.. ma ormai era tardi…

E passarono i giorni , i mesi , le stagioni e gli anni
e il Fuoco continuava ad ardere..tempio vestali
E giunse quel 24 Febbraio del 384..le persecuzioni contro i Cristiani erano mitigate.. i pagani volevano solo mantenere la libertà di culto e l’ ordine sociale.. ma Teodosio I Imperatore si era schierato con i Cristiani, che erano già in lotta fra loro per le scissioni avvenute al loro interno…
Clelia Concordia era l’ ultima Vestale… dignitosa e altera continuava l’ opera tra i venti di guerra e la minaccia delle persecuzioni.. ma giunse la moglie di un patrizio.. senza alcun pudore nel Tempio Sacro staccò la collana alla Dea.. era il Tempio di Rea a essere violato..
L’ ordine delle Vestali finì e il fuoco si spense…
E passarono i giorni, i mesi e le stagioni e gli anni…
E si sentono ancora i pianti dell’ ultima Vestale e le sue parole…
ma il Fuoco è Fuoco di passione e si spegne sul piano fisico, mai su quello astrale..
e continua a vivere e bruciare nell’ intensità del ricordo.. che neppure il tempo dei millenni può cancellare…

Strega Fata Degli Incanti-B.C.©

Comments are closed.