Crea sito
Ago 8, 2016

Posted by in Divinazione e Scienza | Commenti disabilitati su Il Pendolino

Il Pendolino

pendoloSul pendolino sono stati effettuati studi ed esperimenti ampliandone l’ uso nel campo della radioestesia, della divinazione e a scopo diagnostico. Ovviamente si tratta di esperimenti, nel caso di patologie o sintomi è opportuno rivolgersi sempre al medico. Spesso usato anche nella ricerca di persone e oggetti scomparsi, il pendolino è uno strumento antico. A livello indicativo dovrebbe avere una forma piramidale con la punta rivolta al basso e sospeso a una catenella di circa 20 cm. Perfettamente equilibrato il suo peso ideale è di circa 30-40 grammi. I più usati sono in metallo quali ottone e rame ma ve ne sono di bellissimi in pietra e cristallo. Le donne di campagna, non avevano sempre possibilità di avere un oggetto così perfetto quindi ripiegavano l’ attenzione sull’uso di un anello appeso a una collanina. Molte volte si apriva l’ iniziazione a divinazioni nel mese di Giugno, in occasione del Solstizio. I giorni di Pietro e Paolo erano propizi per dare uso allo strumento ed ad altri metodi divinatori legati ad esso. Prima del suo utilizzo andrebbe purificato. Per chi è esperto di visualizzazione basterà “inondarlo” di energia purificatrice con luce bianca-dorata (idealmente quella solare). Poi si può esporlo alla Luna Piena. Metodi alternativi sono, secondo materiale,  acqua, appoggiarlo alla terra, metterlo sotto sale (avvolgerlo in un panno nero per evitare che l’ erosione salina lo rovini).
Bisogna crearsi un codice proprio per poterlo usare. Il pendolo sembra assumere il compito di divenire un prolungamento energetico di chi lo usa. I primi tentativi e test vanno eseguiti in un luogo pulito e tranquillo dove le energie sono armoniose e favorevoli, le gambe non andrebbero incrociate per non ostacolare il flusso energetico, vestiti comodi. La catenina del pendolino va tenuta tra l’indice e il pollice con il gomito poggiato su un piano, il braccio e la mano formeranno una sorta di gru. Svuotate la mente da ogni pensiero, il pendolo non va influenzato, ed entrate in stato di trance medio-profondo. Con una certa pratica si dovrebbe percepire quando si è pronti ad iniziare. Partite con domande semplici di cui sapete la risposta, in modo da individuare i movimenti che segnano il si e quelli che segnano il no. Si possono usare, in un secondo tempo delle tabelle. Aspettate che il pendolo si muova da solo, non va scosso o lanciato per velocizzare i risultati. Molti radioestesisti tengono del rame sotto i piedi per scaricare le forze negative eventualmente caricate. Bisogna sempre accettare le risposte, essere onesti con Sè Stessi e non fare un milione di volte le stesse domande. Acquisito il metodo ci si potrà allenare ma usiamo il buon senso. Col tempo il pendolino potrà essere usato per comunicare con entità. Il pendolo, come molti oggetti di uso esoterico” a volte viene perso. Una sparizione spesso solo momentanea. E’ un segnale dell’ Universo per farci capire che è ora di una pausa o che l’ oggetto è troppo carico. A volte si ritrova lo strumento in luoghi impensabili.

Strega Fata Degli Incanti-B.C ©

Comments are closed.