Crea sito
Apr 20, 2016

Posted by in Home, Magia delle Campagne, Ul Me Paes | Commenti disabilitati su La Campana “Incantata”

La Campana “Incantata”

Digitalizzato_20160404Un tempo le campane non avevano solo carattere Sacro, ma seguivano e scandivano i tempi e i ritmi del lavoro nelle campagne. Nascite, morti, funzioni, ore e avvenimenti erano accompagnati dai loro suoni.

Il rione San Bernardino celebrava in modo  solenne, le funzioni per San Coronato, agli inizi di Settembre. Un tempo la festa era più ricercata, ricca di particolari che riportavano alla vita contadina. I grandi Roeusc di uva bianca e nera. Piramidi in legno con i grappoli più belli facevano a gara nell’ esposizione per poi essere venduti. Le campane suonavano a distesa quando il corpo del Santo usciva in processione o veniva esposto. E si diceva, che portasse pioggia quando la siccità poteva compromettere i raccolti.

La scampanata tipica dei festeggiamenti si era conclusa e ora le campane erano a riposo. Ma la campana maggiore si era fermata, sospesa a mezz’ aria senza farsi notare…

La notte scese ad accogliere il riposo degli uomini. Ormai i camini avevano una brace leggera,e i fienili erano bui, solo la luce del cielo e della luna che, ormai, nella fase dell’ ultimo quarto rimaneva appena visibile, con quel suo piccolo spicchio che andava scomparendo in quelle notti che anticipavano l’ autunno. Qualche nuvola offuscava la poca luce…

Il silenzio fu interrotto.. uno scampanio lugubre, ritmato, come piccole gocce d’ acqua che creano una cadenza regolare.

Il popolino in allarme.

Mia nonna sente quel suono lontano, che le poche case e le campagne permettevano di giungere fino alla abitazione dei miei.. un attimo di timore.. mio nonno si alza pronto a uscire in caso di emergenza. I figli, pronti a seguire il padre, ma incuriositi e spaventati erano trattenuti dalle raccomandazioni di mia nonna…

In realtà non era accaduto nulla… si parlava di stregoneria, magia e quant’ altro.. il tempo di un soffio giusto per capire che era solo un guasto al battacchio…

Questa la storia del Settembre 1936..  si è affacciata alla mia memoria dopo anni che la zia e il papà  me l’ avevano raccontata. Oggi nel fare una piccola ricerca per qualcosa che leggerete poi, l’ antico racconto mi è venuto alla mente ritrovando il fatto, più o meno simile sul libro del Rossi*. Non so se i miei  mi raccontavano questi episodi a metà tra il reale e la leggenda, arricchendoli di particolari ma li tengo gelosamente nel cuore parte integrante di un pezzetto di vita di chi ci ha preceduto.

Strega Fata degli Incanti – B.C. ©

*A.Rossi – Antiche Località di Somma Lombardo

Comments are closed.