Crea sito
Gen 6, 2016

Posted by in Divinazione e Scienza, Italia Magica, Le Leggende Del Solstizio, Magia delle Campagne, Magia nel Mondo- Miti e Leggende | Commenti disabilitati su Re Magi – Magia e Fede

Re Magi – Magia e Fede

Oggi è una giornata magica.. l’ Epifania significa manifestazione.. Manifestazione del Divino, degli Dei che nell’ ambito del culto Cristiano è diventata la manifestazione del Figlio di Dio fatto uomo. Adorato dai Magi, definiti Re, sia per il loro essere benestanti, che per la loro cultura. Probabilmente erano Persiani, e astronomi/astrologi. Nello studiare il cielo ebbero a vederne segni che indicavano un tempo in cui qualcosa di importante si stava realizzando. Di Essi nomagin si sa quasi nulla.. sono forse una simbologia dell’ epoca, a indicare l’ arrendersi di chi seguiva la via della Conoscenza, gli Dei e della magia, alla nascita del Messia,alla parola portata dai Vangeli di Cristo , preannunciata dalla Bibbia.
Il mistero che alleggia attorno a queste figure è proprio dovuto al fatto che non si sa interpretarne l’ origine, il credo e la storia. Con certezza neppure il numero e i nomi sono definiti.In realtà i maggiori storici li identificano come Zoroastriani, i quali seguono una religione enoteista, che vede il trionfo di un unica divinità, dove i concetti di bene e di male sono ben tenuti in considerazione, e legati alla meta finale del Paradiso e dell’ Inferno. Solo alla sconfitta del male, le anime saranno riscattate e vivranno pure alla presenza della Divinità.
La storia dello Zoroastrismo è lunga, complessa e ricca di sfumature e non si è in possesso di molte testimonianze scritte , ma non si esclude una sorta di solidarietà con gli Ebrei nell’ aiutarli a ricostruire le loro case, i loro luoghi di culto. Da qui si può ritenere ovvia l’ Adorazione di questi Magi nei confronti del Messia.
Queste figure mistiche mettono in luce sognicome l’ oniromanzia (interpretazione dei sogni) e l’ astrologia siano state parte integrante nella cultura religiosa. Vero è che queste forme di divinazione erano sempre interpretate come un messaggio superiore.. non erano le stelle a guidare il destino dell’ uomo, ma l’ uomo che ne traeva messaggio, adeguandosi le stelle stesse al linguaggio del divino.
I Magi si possono quindi identificare nell’ immagine di personaggi che ben si identificano nel culto ebraico.
Queste notti erano dette dai pagani le 12 notti .. e la manifestazione avveniva in quasi tutte le culture politeiste, come il discendere degli Dei nella vita dell’ uomo.. attraverso la benedizione dei campi che si manifestavano attraverso i rituali di purificazione e fertilità. Questo era naturale negli antichi culti pagani.. ogni celebrazione era legata ai cicli naturali, che sono comuni a ogni befpopolo.. Stagione fredda, feconda,del raccolto della semina ecc… così la Dea si presenta con la sua veste da anziana.. è stanca, ha svolto il suo compito e si riposa alla fine del ciclo, ma prima porta i doni della fertilità, benedice i campi per i nuovi raccolti… e prende l’ immagine della strega vecchia, che porta doni materiali.
Il tempo trasforma le usanze, crea le leggende fondendo realtà e sogni, bisogni e desideri.. il popolo ha necessità di fede ma anche di aiuti materiali, che i tempi antichi e la povertà non riuscivano a dare.. allora la preghiera si unisce alla magia.. le parole di un santino, un episodio, un dipinto vengono recitati con fare dialettale, si modificano e nascono le segnature.. fede e magia dettate da parole tramandate, da segni che col tempo si caricano di energia.
Correva il 1630, la peste dilagava, e chi poteva si rifugiava in luoghi isolati. Presso il castello Sforzesco di Galliate molti ebbero a trovare riparo sfuggendo così al terribile morbo.. e davanti al quadro dei Re Magi trovarono protezione…
Una protezione che il popolo voleva chiamare su di Sè al ripetersi di ogni anno .. e al 5 Gennaio (così ebbero a raccontarmi), chi si recava davanti al dipinto con la candela in mano ne avrebbe avuto beneficio recitando una candlesorta di litania.
In alcune case si ripeteva la filastrocca davanti al presepe alla luce della candela benedetta..
Siamo in Tre
siam 3 Re…
Non la rivelo per intero  perchè i misteri del Tempo non vanno lanciati al vento..
Solo mi ricordo questa usanza, che poi ho ritrovato in varie versioni.. ma il mio è solo un blando ricordo riaffiorato in questi giorni di festa, quando nel mio muoversi per visitare i luoghi magici e le opere della natura sono andata a ripescare nei labirinti della memoria..

Strega Fata Degli Incanti- B.C.©

Fonti: Ricordi tramandati e raccolti anni addietro in via orale e alcuni spunti tratti da Wikipedia.

Comments are closed.